venerdì 8 aprile 2016

spada alla menta e salmone allo zenzero di Valentina

Ingredienti:
- 1 trancio di spada a testa
- 1 trancio di salmone a testa
- 2 arance
- zenzero grattugiato
- olio evo
- menta fresca

Pulire bene i tranci di pesce e, se troppo grandi, tagliarli a metà.
Mettere lo spada in una ciotola di vetro e disporvi sopra la menta fresca e condire con abbondante olio. Chiudere e riporre in frigorifero per almeno 6 ore, ma anche di più.
Mettere il salmone in un altro contenitore e condire con zenzero grattugiato e succo di arancia e olio. Chiudere e riporre in frigo.
Togliere per tempo da frigo in modo che l'olio non sia troppo solidificato. Mettere in due pentole separate il pesce e tutto il relativo condimento. Incoperchiare e cuocere per il tempo necessario affinché risulti cotto girando a metà cottura. Fuoco medio-basso.

Servire anche tiepido.

Riso freddo al salmone affumicato di Valentina

Ingredienti x 10:
- riso per insalate (Scotti oro per insalate di riso, 2 pugni a testa)
- piselli congelati (1/2 pacchetto)
- pomodorini (2 a testa, io ho preso quelli piccoli lunghi che sono buonissimi)
- 15 olive verdi denocciolate
- capperi sotto sale
- 200g salmone affumicato in busta
- 2 barattoli di gamberetti in salamoia
- 4 foglie di basilico
- olio, sale e pepe

Lessare il riso e i piselli ancora surgelati in abbondante acqua salata (il mio aveva cottura 10 minuti). Scolare e raffreddare bene sotto l'acqua fredda.
Versare il riso nel piatto da portata e condire abbondantemente con olio, sale e pepe.
Unire i gamberetti e il salmone affumicato tagliato a pezzetti con le forbici.
Aggiungere le olive e i capperi dissalati, mescolare bene e riporre in frigo per qualche ora.

The freddo casalingo di Karlin



Acqua gr. 350
Zucchero semolato gr. 200
6 bustine di the

Preparare uno sciroppo facendo bollire per 8/10 minuti l’acqua con lo zucchero.
Spegnere il fuoco e mettere in infusione le bustine di the per 5 minuti.
Togliere le bustine, lasciare raffreddare e conservare il preparato in frigorifero.


Quando si desidera bere un bel the freddo basta versare un po’ di sciroppo in un bicchiere e aggiungere acqua fresca con eventualmente una fettina di limone.

Blondie con pinoli di SimonaV


per una teglia di 23x23

227 g cioccolato bianco
113 g di burro morbido
15 ml di estratto di vaniglia
170g di farina
2 uova
67g zucchero
1 cucchiaino di sale
ca 130g (1 cup) di gocce di cioccolato bianco


riscaldare il forno a 175°C, imburrare e infarinare una teglia (meglio pure mettere sotto della carta forno, a me si è appiccicato un po'). sciogliere il burro e il cioccolato.
mixare le uova finché diventano spumose, aggiungere lo zucchero e la vaniglia, aggiungere il cioccolato bianco fuso col burro,unire farina e sale e unirlo al composto con una spatola e poi aggiungere le gocce allo stesso modo. versare il composto nella teglia.

cuocere per ca 25 minuti (prova stuzzicadenti), e lasciare raffreddare su una griglia prima di tagliare a quadrotti.

Lasagne di pancarrè di MamyLaura

Ingredienti:
circa 12 fette di pane da tramezzino o pancarrè (io avevo quello da tramezzini e per la quantità dipende dalla teglia)
2,5 hg di prosciutto
1 pacco di mozzarella per pizza
1 barattolo di carciofini
2 hg di zucchine tagliate e julienne
4 uovo
parmigiano/grana grattugiato q.b.
latte q.b.
prezzmolo, sale pepe q.b.

mettere sul fondo della teglia imburrata, uno strato di fette di pan carrè bagnato col latte ma non fradicio,
sopra mettere il formaggioa  pezzi, le zucchine e le fettine di prosciutto in strati sovrapposti, coprire con altrò pancarrè ammorbidito col latte, sopra mettere di nuovo formaggio a  pezzetti, carciofini e fettine e prosciutto.
Coprire con un altro strato di pancarrè bagnato nel latte.
sbattere le 4 uova, con sale, pepe, grana grattugiato e prezzemolo e versare il composto sull'ultimo strato di pancarrè.
Infornare a 180° per 15/20 minuti in forno statico.

Torta con cavallo di Valentina

Ingredienti:
- 4 uova
-  240g zucchero
- 200g farina
- 50g cacao amaro
- 160g olio (io ho usato quello di riso)
8 cucchiai di latte
- 1 bustina di lievito

Per farcitura e decoro:
- 1 barattoli di crema Novi
- 200ml di panna montata
- 1 cucchiaino di maizena
- 2 cucchiai di zucchero a velo
- pupazzetti in pdz
- frosting al cioccolato bianco per la copertura, ma si può di certo utilizzare anche altro (ricetta bimby qui, ma si può fare anche senza bimby: http://www.ricettario-bimby.it/ricette/frosting-al-cioccolato-bianco-glasse-e-decori/804980)

Montare le uova con lo zucchero nella planetaria per 10 minuti.
Unire la farina e il cacao ben setacciati e mescolare bene. Unire olio, latte e lievito.
Versare in uno stampo (io ne ho usato uno quadrato in silicone) e infornare a 170° per 40 minuti.

Far riposare (io l'ho fatta il giorno prima e tenuta poi nel forno spento e freddo.
Tagliare la torta a metà, farcirla con la crema Novi leggermente scaldata al microonde per spalmarla meglio. Ricoprire con panna montata (addizionata di zar e maizena per non farla smontare)  e rimetterci sopra l'altra metà.
Ricoprire con il frosting al cioccolato bianco (che andrebbe spalmato monologo meglio!) e riporre in frigorifero.
Prima di servire decorare con i pupazzetti in pdz (io li ho fatti partendo da pdz colorata comprata in panetti e li ho fatti con largo anticipo e poi tenuti in dispensa).

Cheesecake caramellata di Ezia

Per il fondo
250 gr digestive
110 gr burro

Per la crema

500 gr di mascarpone
400 gr panna montata
10 gr colla di pesce
100 gr di nocciole, mandorle...
Io non ci ho messo zucchero però chi lo vuole più dolce lo può mettere

Si inizia mettendo i biscotti nel mixer e sminuzzateli molto fini. Nel frattempo avrete sciolto il burro che mischierete con i biscotti. Versate i biscotti in una tortiera e compattate bene la base, mettetela poi in frigo.
Ora mettete a scaldare 150 gr di zucchero con 30 gr di acqua e quando lo zucchero diventa bruno ci mettete a filo altri 60 gr di acqua calda e mescolate velocemente, togliete ora la salsa dal fuoco e lasciatela raffreddare.
Ora ammollate la colla di pesce in acqua fredda.
Ora mettete nella planetaria il mascarpone e aggiungete piano piano la salsa al caramello e le nocciole tritate finemente.
Ora strizzate la colla di pesce e la sciogliete in due cucchiai di panna tiepida e la unite alla crema. Ci aggiungete la panna montata mescolando a mano dal basso verso l'alto.
Ora stendete la crema sulla base e livellatela bene. Trattenete un po' di crema per poi decorarla prima di servire.
Mettete la torta in frigo per 4 5 ore.

Spinacine ripiene fatte in casa di Mamylaura

Ingredienti:
600/700 gr. petto di pollo
100 gr spinaci crudi (io li ho messi freschi e "ad occhio")
2 uova
1-2 cucchiai di farina
50 gr. parmigiano gratt.
sale q.b.

panatura:
2/3 uova
pan grattato

ripieno:
prosciutto cotto
sottilette
 nel robot da cucina,
mettere pollo, spinaci, uova, farina, parmigiano e sale frullare per qualche minuto fino ad ottenere una consistenza non cremosa ma tipo "macinato",


su una spianatoia formare delle "fettine" con l'impasto,
mettere su una il prosciutto e un pezzo di sottiletta nel mezzo lasciando il bordo vuoto, coprire con un'altra fettina, chiudere bene i bordi e passare nel pangrattato poi nell'uovo e poi di nuovo nel pangrattato.
disporre su una placca da forno con carta da forno, spennellare d'olio sui due lati, cuocere a 180°/200° per circa 20 minuti


ne sono venuti 4 grandi e 4 spinacine semplici senza ripieno.
i miei bambini ne vanno matti e per evitare di comprare quelli pronti che chissà cosa hanno dentro ho sperimentato e direi che sono fattibilissimi e vengono davvero bene.

crostatina alla ricotta di Maria Pia

pasta frolla con farina di mandorle

360 g di farina 00, 150 g di farina di mandorle tostata5 cucchiai di latte, , 150 g di zucchero di canna , 90g di olio exv, 2 uova , 1 cucchiaino di lievito,  buccia di 1/2 arancia, 3 cucchiai di latte, pizzico di sale

ho messo tutti gli ingredienti, tranne il latte, nel ken con la frusta a foglia, ho impastato   e ho aggiunto il latte alla fine per formare una palla omogenea.

Farcia
350 g di  ricotta, 160 g di zucchero, 1 uovo e un tuorlo, 5 cucchiai di latte, 1 cucchiaio raso di farina, bucccia di 1/2 arancia,150g di cioccolato fondente tritato a coltello
Sbattere con le fruste elettriche,    aggiungere alla fine il cioccolato.
Imburrare e infarinare le tartellette, ricoprire con la pasta frolla tagliata con un coppapasta di 11 cm
 forare con la forchetta  e  versare 2 cucchiai di farcia.
Tagliare a coltello 50g di nocciole e distribuirle sulla ricotta.
cottura a 175° x 30 minuti forno statico.   ne vengono 17. Le congelerò appena fredde

Riso bianco con i moscardini di Fiorella

ho cucinato questo piatto sabato sera, quando sono venuti a cena
2 amici.
avevo trovato dei moscardini bellissimi in pescheria, quindi ho proceduto a "sentimento".

1kg. moscardini ( peso pulito)
1 spicchio di aglio
olio evo
prezzemolo
peperoncino
mezzo bicchiere di vino bianco + un po' per il riso
fumetto di pesce che ho preparato con carapci e teste di mazzancolle e altri
scarti che avevo tenuto in gcngelatore, una caorta e un gambo di sedano,
sale di cervia.
riso bomba o altro riso che non rilasci amido

in una padella scaldare olio e far colorare l'aglio e il peperoncino.
levare l'aglio ed aggiungere i moscardini tagliati a pezzi.
fare insaporire, quindi bagnare col vino e sfumare.
coprire e lasciar cuocere a fuoco basso per un'ora.
regolare di sale se necessario.
- apro una parentesi.
sento sempre dire che i cefalopodi devono essere poco cotti altrimenti
diventano gommosi. probabilmente è vero, ma è anche vero che se arrivano allo stato gommoso,
meglio proseguire la cottura a lungo e garantisco che diventano tenerissimi.
ho provato con moscardini, seppie, calamari e totani.... -
chiusa parentesi.
appurato che sono teneri, spegnere e tenere in caldo.
in un'altra padella, scaldare un filo di olio e far tostare il riso,
mescolando il meno possibile
sfumare con il vino bianco ed aggiungere alcuni mestoli di fumetto.
aggiungere pure i moscardini con il loro sugo e portare a cottura
il riso, aggiungendo fumetto quando necessario ma muovendo pochissimo
il riso.
a cottura ultimata, lasciare riposare qualche minuto, guarnire con abbondante
prezzemolo tritato.

Insalata riso Venere light di Fiamma

Ingredienti x 2
Riso Venere gr 150
Calamari piccoli 2 (i miei congelati)
6 code di gamberoni      ""
Un pugnetto di rucola
Insalatina acetelli sacla  quella a filetti tipo julienne
Sale pepe olio mezzo limone
Ho lessato separatamente riso (40minuti), calamari tagliati a rondelle sottili e gamberi
Intanto ho dato una frullata rapida all'insalatina sottaceto insieme alla rucola
Scolato il riso e raffreddato
In una zuppiera ho messo il trito acetelli, rucola,i calamari e gamberi a pezzettini, il riso un filo di olio pepe limone mescolato il tutto

Rotolo autunnale di Alessandra

Cosa occorre: 
150 g di porcini, 200 g di carne di maiale magra, 
150 g di grana grattugiato, 
60 g di salame fresco tritato,
 300 g di spinaci cotti, 
100 g di pangrattato, 
sale, spezie a piacere, aglio, 
5 uova, 
 burro, 
prezzemolo tritato, 
350 g di farina bianca
Come si fa:
Fai insaporire con un pezzo di burro gli spinaci, rosola i funghi affettati con burro, aglio e prezzemolo, Trita la carne e unisci il salame, i funghi, gli spinaci tritati, il pane, il formaggio, due uova, insaporisci con sale e spezie e mescola bene. Prepara la pasta con la farina, tre uova e il sale. Falla riposare per mezz'ora, poi tirala non molto sottile in un rettangolo di circa 60 x 40 cm, stendila sopra una tela bianca, disponi il ripieno nel senso della lunghezza, arrotola nella sfoglia e chiudi bene sui lati. Arrotola nella tela, lega gli estremi con uno spago e metti a cuocere per un'ora in acqua bollente salata. Togli la tela e affetta il "salame". Servi con burro fuso e formaggio.

orzo risottato agli asparagi di Aurora

Ingredienti per 2:

1 trito di carote, sedano e scalogno
1 trito di erbette profumate a piacere (io ho usato un pizzico di finocchietto, coriandolo e menta, ma va benissimo anche solo il prezzemolo)
1 paio di cucchiai di vino rosso ridotto con un pizzico di burro e farina
190 g di  orzo perlato
1 mazzetto di asparagi (io ho usato quelli tutti bianchi, ma vanno bene anche i verdi) lessati e poi frullati con un po' di acqua cottura salata che non va buttata.
olio exv
sale se occorre

Far rosolare il trito di carote, sedano e scalogno in un bel cucchiaio di olio exv e poi aggiungere l'orzo. Aggiungere un paio di mestoli di acqua di cottura degli asparagi e metà delle erbette profumate. Se occorre salare. A metà cottura aggiungere gli asparagi frullati e continuare la cottura per circa 30 minuti.
Mettere l'orzo nei piatti, spolverare con le restanti erbette e irrorare con un cucchiaio di vino rosso.

Non diventa cremoso come un risotto (e il mio stomaco ringrazia), ma ci è piaciuto molto.

Orecchiette alla crema rustica di broccoli di Fiorella

per due persone:
2 piccle cime di broccolo
200 gr. orecchiette fresche
4 acciughe salate
1 spicchio di aglio
due cucchiai di pane grattugiato ( e/o pecorino grattugiato)
olio evo
sale
peperoncino

pulire i broccoli, dividendo le cimette e pelando i gambi per ottenere la parte tenera.
tenere anche le foglie se son belle fresche.
pulire e dissalare le acciughe
mettere in una capiente padella l'olio, l'aglio tagliato a pezzetti, il peperoncino e le acciughe.
quando queste saranno sciole e l'aglio avra' preso colore, aggiungere i broccoli.
lasciare insaporire, poi aggiungere mezzo bicchiere di acqua, coprire e lasciare cuocere sino
a che i broccoli non sono teneri ( circa venti minuti). alzare il fuoco e, senza coperchio,
fare un po' asciugare.
prelevare circa meta' dei broccoli e frullare grossolanamente col minipimer.
rimettere anche la crema nel tegame.
mettere a cuocere le orecchiette e, nel frattempo, tostare il pane in una padella antiaderente
appena unta.
aggiungere ai broccoli due cucchiai di acqua di cottura della pasta.
scolare le orecchiette, saltarle in padella con i broccoli.
a tavola, aggiungere a piacere il pane grattugiato tostato oppure pecorino...o tutti e due!

Salsa di vino Porto di Rosetta

Indicazioni
Il primo passo per preparare  la salsa di porto è di riscaldare il brodo di pollo a fuoco basso o nel microonde per qualche minuto.
Quando si ha il brodo riscaldato,  mescolare con la farina e battere tutto insieme.
Deve diventare una pappetta liquida, quindi  rimettere di  nuovo nel forno a microonde per 2 minuti a 780 W.
Dopo i due minuti rimescolare  il composto e si torna a rimettere nel forno a microonde per 1 minuto a 780 W.
Infine, è necessario rimuovere il contenitore dal forno a microonde e aggiungere il burro e il vino Porto e mescolare bene fino a che liscio.
Ora si può gustare  una magnifica salsa porto.
Ingredienti
50 g di burro.
1/4 litro di brodo di pollo.
farina di frumento 1 cucchiaio
1 calice di vino.
Un contenitore da forno microonde
Un mixer.
Un forno a microonde.
Consigli
Oltre a utilizzare la salsa di Porto sulla carne arrosto o cotte, anche può usare con  uova in camicia per esempio o altri piatti.

La ricetta non l'ho mai pubblicata nel mio blog, perchè mi sembra una di quelle cose banali che tutti sanno fare, in ogni caso questa salsa l'ho fatta anche con il vino bianco per il salmone ed è risultata ottima.

Panbrioches all'olio di Azalea

500 g farina 00
2 uova
140 ml latte tiepido
60 ml olio di semi
100 g zucchero
1 cubetto lievito di birra da 25g
1 cucchiaino raso di sale
1 bustina vanillina

Sciogliere il lievito nel latte tiepido.
In una ciotola mettere la farina, le uova intere, l'olio, lo zucchero, il sale e la vanillina e impastare, aggiungendo poco alla volta il latte.
Impastare fino ad ottenere un composto morbido ed elastico.
Mettetelo in una terrina e fatelo lievitare fino al raddoppio del volume (circa 2 ore), dopodiché stendetelo in sfoglia o in palline e farcite a piacere con ripieno dolce (marmellata, nutella o crema pasticcera), o ripieno salato (provola, salumi vari, olive...in questo caso non utilizzare la vanillina nell'impasto base).
Metterlo su teglia da forno e far lievitare ancora per 30 minuti.
Poi infornare per 45 minuti a 180 gradi.

Ragu' di costine di Rosetta


per 3 porzioni

1 verza grande
800 g costine di maiale
1 cipolla ramata
4 spicchi di aglio
poco burro
poco olio
1 dado per brodo
sale se occorre

Inserire le costine nella pentola a pressione con l'aglio (senza alcun condimento, solo 3 o 4 cucchiai di acqua.
Lasciarle spurgare del loro grasso girandole e rigirandole più volte.
Togliere le costine ed eliminare il grasso che hanno rilasciato.
Rimetterle in pentola con poco burro, poco olio, il dado, la cipolla pulita e affettata, se vi piace rimettete l'aglio 1 bicchiere di acqua e la verza.
Poca per volta, man mano che si ammorbidisce aggiungetene altra sino ad inserirla tutta.
Mescolare, chiudere la pentola a pressione con il coperchio e dal sibilo cuocere 15 minuti.
Spegnere, controllare se c'è abbastanza sugo altrimenti aggiungere poca acqua e prolungare la cottura ancora per 1/2 ora.
Alla fine, se risulta troppo acquosa, spolverare con un pizzicone di farina bianca o di mais fioretto.
Lasciare rapprendere e servire ben caldo

Penne aromatiche di Fiorella

per tre persone

8 cucchiai di pesto di pomodori secchi  ( pomodori sottolio frullati con un po' di pinoli)
4 cucchiai di passata di pomodoro
una tazza da te di capperi dissalati
una tazza da te di olive taggiasche tritate grossolonamente
una tazzina da caffe' di erbe aromatiche fresche tritate ( salvia, rosmarino, origano, timo, maggiorana)
uno spicchio di aglio ( anche uno scalogno, se a casa vostra non c'è la fobia di cipolle e compagnia, come da me!!! :roll: )
olio evo qb


scaldare l'olio in una padella con lo spicchio di aglio, da levare quando inizia a prendere colore.
aggiungere la passata e lasciate cuocere per cinque minuti
aggiungete il pesto di pomodi e fate amalgamare per una decina di minuti.
aggiungere anche i capperi e le olive.
mescolare velocemente, spegnere il fuoco e aggiungere le erbe aromatiche continuando a mescolare.
nel frattempo cuocere la pasta.
occhio a salare poco l'acqua, che il sugo è gia' assai saporito di suo
aggiungere al sugo un po' di acqua di cottura della pasta,
scolare la pasta al dente e saltare in padella.

Polenta dolce di Rosetta



per 3/4 porzioni

latte a occhio
200 g farina di mais precotta
10 prugne secche denocciolate e tagliate a pezzi
buccia di 1 arancia
1 cucchiaino di zucchero

Portare a bollore il latte e lasciarlo pippiare piano piano per un poco con lo zucchero e le bucce di arancia (sbucciata in modo da ottenere solo la parte gialla e non il bianco che è amaro).
Togliere le bucce, versare le prugne e la farina a pioggia, mescolare e cuocere anche un poco più dei minuti indicati.
Rovesciare la polenta dolce nel piatto ed infine sformarla in un altro piatto piano.

Riso al sugo similamatriciano di Rosetta


Condimento
250 g pancetta affumicata wolf Sauris
1 scatola pelati San Marzano
1 cucchiaio di strutto
1 peperoncino rosso

200 g riso carnaroli
brodo vegetale
formaggio montasio grattugiato

Sugo amatriciano-farlocco
Tagliare la pancetta a dadini regolari
Versarli e rosolarli in una padella antiaderente con lo strutto sciolto, il peperoncino e lasciar rosolare piano piano finchè la pancetta inizia ad abbrustolire.
Unire i pomodori spezzettati con il loro liquido di governo e cuocere una decina di minuti o finchè raggiunge il giusto grado di densità.
A cottura ultimata togliere il peperoncino.

Fritta di Sclopit o Silene di Rosetta

stampo in silicone a spicchi

4 uova piccole
110 g sclopît
1 pezzo di cipollotto
50 g pecorino grattugiato
50 g formaggio montasio grattugiato
300 g besciamella
1 pizzico di salo (occhio che il pecorino è già salato)
burro per spennellare lo stampo

In una terrina sbattere grossolanamente le uova.
Aggiungere le foglie di sclopìt o silene lavate asciugate e tritate fini.
Mescolare e terminare aggiungendo i formaggi, il sale e la besciamella.
Amalgamare e lasciare riposare una decina di minuti.
Scaldare il forno a 180° e intanto preparare il burro fuso.
Spennellare lo stampo e versare l'impasto di uova a cucchiaiate nello stampo

crema pasticcera all'arancia di Rosetta

ml 500 di latte intero
50 g di farina di riso
30  g di zucchero
3 tuorli
2 cucchiaini di polvere d’oro di Rosetta (http://ilfogolar.blogspot.it/2011/02/polvere-doro.html#links)

Sbattere grossolanamente con l’aiuto di una frusta lo zucchero insieme ai tuorli.
Aggiungere la farina e incorporarla all’uovo ed allo zucchero.
Unire poco alla volta il latte tiepido e amalgamare bene.
Mettere sul fuoco il tegame e giranre continuamente con un mestolo di legno.
Portare ad ebollizione la crema e lasciarla sul fuoco per un paio di minuti o finchè avete raggiunto la consistenza da voi gradita, senza smettere di mescolare.
Aggiungere alla crema la polvere d’oro e incorporarla.
Tasferire la crema pasticcera in una o più ciotole e coprite con un panno umido per evitare che si formi la classica pellicola in superficie.

Champignon farciti di Aurora

Ingredienti
Funghi champignon
1 pugno d pan grattato
1 pugno di parmigiano
1 manciata di prezzemolo tritato
5 o 6 uvette tritate insieme a un pochino di pinoli
1 scalogno
olio exv
1 goccio di latte se serve
sale e pepe

Per la copertura
1 uovo sbattuto
parmigiano grattugiato
olio exv

Pulire i funghi staccando delicatamente i gambi separando cappelle dai gambi.
I gambi pulirli e affettarli molto sottilmente o tritarli (ma attente che se ii tritate bruciano in un nano secondo). Tritare lo scalogno, farlo rosolare e aggiungere i gambi. Fare cuocere, salare leggermente e spegnere.
Le cappelle pulirle e pelarle.
Preparare l'impasto mettendo tutti gli ingredienti tritati, aggiungendo anche i gambi cotti, in una ciotola fino ad avere un impasto morbido e lavorabile. Salare e pepare e se ci fosse bisogno aggiungere un goccio di latte.
Prendere le cappelle e riempirle di impasto passandole una alla volta capovolte nell'uovo sbattutto per chiudere il tappo. Adagiare in una tortiera col ripieno verso l'alto e quando tutte sono pronte spolverarle con parmigiano e infine un giro di olio exv.
Infornare a 175° in forno ventilato.

Hamburger vegetariani di Aurora

Più o meno la ricetta è uguale dappertutto. Io ho preso un po' da Gisella, un po' dal web, un po' da mia figlia e poi ho fatto a modo mio, per esempio NON mettendo la cipolla. Ho messo nel frullatore un barattolo di ceci lessati e un barattolo di lenticchie lessate, ho aggiunto 1 cucchiaio di olio e qui ci sta bene un olio saporito, 2 uova (ma la prossima volta 1 uovo solo grande), un pizzico di miscela di erbe speziate (ho usato quelle per il couscous), sale e pepe.

Ho frullato fino ad avere un composto granuloso, non deve diventare poltiglia, deve restare grossolano.
L'ho versato in una ciotola e poi ho aggiunto un primo pugno di pane grattugiato, mischiato e aspettato 5 minuti per dare tempo al pane di reidratarsi. Ho aggiunto via via altro pane grattugiato sempre con lo stesso sistema fino ad avere un composto che si possa maneggiare e fare delle polpette o degli hamburger



Lesso rifatto alla fiorentina di Rosetta


Carne già lessata
Cipolle bianche o ramate a piacere
Pomodori maturi o pelati in scatola
Basilico
Olio d'Oliva 
Sale e pepe
Tagliare a pezzetti i pomodori (se sono freschi, togliere la buccia e i semi)Mettere a rosolare le cipolle tagliate a fettine in una padella con l'olio e, quando sono ben dorate, aggiungere le fette di lesso.
Salare, pepare e lasciare insaporire per qualche minuto.
Aggiungere poi i pomodori e il basilico.
Cuocere, a fuoco medio e a recipiente coperto, per circa 10 minuti. 
Al termine della cottura, sistemare le fette di carne nel piatto da portata con il loro intingolo e servire ben caldo in tavola.

Risotto alla trevisana con salsiccia di Danielagriner

Ingredienti: dose per 4 persone
salsiccia grossa (luganega)  gr. 350
riso Carnaroli  gr. 320
stracchino (io Nonno Nanni) gr. 175
un grosso cespo di insalata trevisana - vino rosso robusto - parmigiano grattugiato - brodo vegetale q.b.

Mondare l'insalata, lavarla e scolarla bene, poi tagliarla a fettine sottili. In una casseruola adatta mettere la salsiccia pivata del budello e sbriciolata, farle perdere il suo grassino quindi versare il riso e lasciarlo tostare. Quando sarà trasparente aggiungere metà dell'insalata, far stufare, poi bagnare con mezzo bicchiere di vino rosso (io Bonarda) e lasciar evaporare, Aggiungere il brodo, un mestolo alla volta e portare a cottura. Cinque minuti prima che il riso sia cotto unire la restante insalata e incorporarla bene. Tagliare a tocchetti lo stracchino e mantecare con esso il risotto fuori dal fuoco. Servire con parmigiano grattugiato a parte.

Danubio alla crema di marroni di Azalea

500 g farina 00+ quella che serve per impastare,
 2 uova, 
160 ml di latte tiepido,
 60 ml di olio di semi di girasole, 
120 g di zucchero, 
1 cubetto di lievito di birra (fresco mi raccomando),,
 1 cucchiaino di sale,
 latte per spennellare,
 1 vasetto di crema di marroni

Preparazione;
Far scioglier il lievito nel di latte tiepido, mescolare bene e attendere 5 minuti..
Dopo di che, prendere una ciotola, versare la farina, il sale( metterlo ai lati della farina, non deve entrare in contatto con il lievito) le uova, lo zucchero,l'olio ed il lievito sciolto nel latte e cominciare a raccogliere gli ingredienti con una forchetta..
Dopo di che trasferire su una spianatoia e lavorare bene per circa 15 minuti, aiutandovi con la farina di supporto.. deve risultare un composto liscio e morbido..
Fare un panetto , coprire con un panno umido e far lievitare per 1 ora deve raddoppiare di volume..
Ora riprendere l' impasto formare un salame e tagliare 11 palline...
Stendere ogni pallina con il mattarello e farcire con la crema di marroni ( ma voi potete farcire anche con la nutella), chiudere bene e adagiare su una teglia foderata di carta forno, con la chiusura rivolta all'ingiù..
Far lievitare nuovamente per un altra ora..
Dopo di che preriscaldare il forno a 180 gradi, spennellare il Danubio con il latte e cuocere per circa 45 minuti

giovedì 7 aprile 2016

Muffin di pandoro di Azalea

MUFFIN DI PANDORO

200 g pandoro, 
60 g farina, 
100 g zucchero, 
2 uova intere, 
100 ml latte, 
100 g burro fuso, 
1 bustina lievito, 
cioccolato grattugiato grossolanamente.

Sbriciolare il pandoro e lavorarlo col burro fuso e il cioccolato. 
A parte mescolare le uova con lo zucchero, poi unire il latte, la farina e il lievito.
Unire i due composti, amalgamare bene e distribuire negli stampini x muffin. 
Infornare a 180 gradi per 20 minuti.
Se piace servirli cosparsi di zucchero a velo.

Bocconcini golosi di pasta frolla di Aurora

Pasta frolla con:


300 g di farina debole
200 g di burro
100 g di zucchero di canna
2 tuorli o 1 grande

Le dosi della frolla sono indicative... sono le mie dosi per una crostata. In questo caso ho usato la frolla avanzata delle pastiere.

Ovetti di cioccolato 

Ho steso la pasta frolla e dopo averla lasciata in frigo mezza giornata l'ho stesa col mattarello e poi ho ritagliato dei dischi con un bicchiere non troppo grande. Ho avvolto la pasta frolla intorno e roteata sotto il palmo fino a farla diventare una pallina. Alla fine ho rotolato tutte le palline nel latte e ho messo in forno ventilato a 170° per 30 minuti.

Plumcake arancia e cioccolato di LaGebo

Dose per 24 muffin oppure due stampi da plumcake da 1 litro

1 arancia non trattata (circa 200 g)
130 g albumi
200 g zucchero semolato
250 g farina
50 g farina di mandorle
20 g cacao amaro
150 ml latte
100 g olio di riso
1 bustina di lievito per dolci
(a piacere: gocce di cioccolato)

frullare l'arancia con tutta la buccia

montare gli albumi con 150 g di zucchero (non disperare, ci mette un po' ma montano)

impastare le farine, il cacao e lo zucchero rimanente con olio, latte e arancia frullata, aggiungendo da ultimo il lievito

Incorporare delicatamente gli albumi montati e (se piacciono) le gocce di cioccolato

Mettere in pirottini o due stampi da plumcake da 1 litro, riempiendoli fino circa 2/3  (io ho fatto 12 pirottini e uno stampo da plumcake)

Cuocere in forno statico a 180 gradi: 20-30 min circa per i muffin o 50-60 min circa per il plumcake
(solita prova stecchino)

Mescìua di Danielagriner


Mescìua
ceci secchi gr. 300
fagioli cannellini secchi gr. 300
farro gr. 300
olio evo – sale – pepe nero
 
Far ammollare per 12 ore o per una notte, separatamente, i ceci, i cannellini e il farro, poi scolarli, sciacquarli e farli lessare sempre separatamente in acqua pulita. Quando sono pronti mescolarli tra loro con l’acqua di cottura, aggiustare di sale e cuocere ancora per pochi minuti. Servire accompagnando a parte con olio e pepe

Ovviamente si possono usare legumi in scatola, già lessati, che si verseranno in una pentola con un litro e mezzo di acqua e si faranno cuocere per circa 20 minuti procedendo poi come sopra.
C'è chi omette il farro ma aggiunge i chicchi di mais.

Vellutata di fave secche di Fiorella

per 2 persone

2 scodelle di fave secche, spezzate, decorticate
1 zucchina
1 carota
1/2 gambo di sedano
1 patata
4/5 foglie di salvia
1 rametto di rosmarino
1 cipollina ( se piace, naturalmente io non l'ho messa)
1 spicchio di aglio
sale e/o dado vegetale
acqua
olio evo
cubetti di pane raffermo


mettere a bagno le fave per una notte.
scilare le fave e tenerle da parte
pelare la patata e la carota, tagliare le verdure a tocchetti.

in un tegame largo, scaldare l'olio e far colorire l'aglio con la salvia e il rosmarino.
levare l'aglio ed aggiungere carota, zucchina, sedano e patata.
fare insaporire poi aggiungere le fave.
dopo circa 5 minuti, aggiungere acqua calda. per la quantita' sono andata ad occhio
e ne ho aggiunta un po' cammin facendo, per avere la consistenza a noi gradita.
salare ( io un po' ho salato un po' ho aggiunto un pezzetto di dado vegetale senza glutammato)
cuocere il tutto a fuoco basso per circa 50 minuti, aggiungendo un po' di acqua calda se
necessario.
nel frattempo ho passato velocemente i cubetti di pane raffermo in un nulla di olio evo
e li ho fatti abbrustolire in una padella antiaderente

levare il tegame dal fuoco e passare col minipimer. per noi ho preferito non passare troppo
finimente, quindi ho ottenuto una vellutata un po' rustica  :lol:
se necessita ulteriore addensamento, rimettere sul fuoco, altrimenti servire
con i crostini di pane, olio crudo e pepe o peperoncino a piacere.

I carciofi alla romana di Aurora

Ingredienti:
4 mammole o cimaroli
mentuccia o prezzemolo
aglio
pane grattugiato
sale
olio
pepe
4 acciughine


Ho pulito 4 mammole come al solito, ho allargato un po' il centro del carciofo e ho riempito il buco ottenuto con un composto fatto di prezzemolo (ci vorrebbe la mentuccia, ma non l'ho trovata), aglio, pane grattugiato, sale, olio, pepe. Dentro l'impasto ho messo un acciughina in ogni carciofo.
Ho preso un pentola alta che li contenesse in altezza e larga però a misura per metterne giusto 4, ho versato 1 bicchiere di olio exv, ho messo dentro i carciofi con il gambo in aria e ho fatto rosalare per bene per 3/4 minuti.
Ho cosparso i carciofi con un altro bicchiere di olio exv i carciofi, ho spostato dal fuoco, ho salato un pochino i carciofi all'esterno e ho aggiunto tanta acqua fino ad arrivare sotto la curva del carciofo.
Messo il coperchio e lasciato cuocere a fuoco medio basso per 30 minuti. Poi con una forchetta ho controllato la cottura e ho spento.
Il sughetto avanzato domani finirà degnamente in altro modo...non so ancora se risotto o pasta, ma qualcosa ne farò.

Lasagna ai carciofi di Daniela

Ingredienti:
lasagne fresche e sottili   gr. 300
12 carciofi spinosi - 1 litro di besciamella non troppo soda - parmigiano grattugiato - vino bianco secco - olio evo - burro - sale - pepe.

Pulire i carciofi, tagliarli a fettine sottili e farli appassire in poco olio, bagnarli con un bicchiere scarso di vino bianco, lasciarlo evaporare, salare e pepare e continuare la cottura aggiungendo, se è il caso, poca acqua calda. Toglierli dalla padella con un mestolo forato per elominare il liquido di cottura, metterli su un largo piatto e farli raffreddare.
In una capace teglia mettere un leggero strato di besciamella, poi le lasagne (vedete voi se lessarle prima  o meno), quindi uno strato leggero di besciamella, un po' di carciofi, parmigiano grattugiato, altre lasagne, besciamella, carciofi e così via sino all'esaurimento degli ingredienti. Finire con una strato di lasagne, coprire con abbondante besciamella, cospargere con parmigiano e mettervi sopra fiocchetti di burro. Passare in forno già caldo a 180° per circa 40/45 minuti.

mercoledì 6 aprile 2016

Sancrau di Alma


Ingredienti:
1 cavolo verza medio
2 spicchi d'aglio
6 acciughe
6 cucchiai di aceto
olio extravergine q.b.

Tagliare a strisce sottili il cavolo dopo averlo lavato e asciugato con una mandolina o a coltello.
Mettere l'olio in una padella capiente con due spicchi d'aglio  fare soffriggere appena, aggiungere le acciughe far cuocere adagio fino a quando le acciughe si saranno disfatte.
Aggiungere il cavolo rimestare un po', coprire la pentola e far cuocere a fiamma bassa per 15 minuti, aggiungere l'aceto e far cuocere per altri 10 minuti.

Uova al pomodoro di Daniela

Piatto nato per caso ma buono e scenografico, purtroppo non ho fatto la foto.

Ingredienti: dose per una persona
due uova freschissime - due pomodori perini maturi ma sodi - burro- sale - pepe

Lavare e asciugare i pomodori poi tagliarli in due per il lungo. In un padellino antiaderente che li contenga in misura mettere un poco di burro e quando è spumeggiante cuocere i pomodori facendoli diventare belli coloriti, salarli e peparli poco. Quando saranno cotti rompervi sopra le uova mettendo prima gli albumi e adagiandovi sopra i rossi quando l'albume avrà preso consistenza. Salare, pepare e portare a cottura. Far scivolare la preparazione su un piatto caldo e servire.

Crostata fiammeggiata di Rosetta




CROSTATA FIAMMEGGIATA
contenitore ovale della cuki alluminio

2 fogli pasta frolla tondi
biscotti secchi a piacere
3 mele renette
30 g di burro
poco latte
zucchero per spolverare la superficie

Lavare, sbucciare e detorsolare le mele, tagliarle a pezzetti, soffriggerle in un tegame con 30 g di burro e appena iniziano a disfarsi, lasciarle raffreddare.
Tritare finemente i biscotti.
Inserire nel contenitore cuki 1 foglio di pasta sfoglia con lo stesso foglio che lo tiene arrotolato.
L'altro foglio va rifilato con la stessa misura del contenitore e incidere un buco al centro.
Spolverare il fondo con i biscotti e sopra versare le mele intiepidite.
Sigillare i bordi dopo aver messo questo foglio di frolla.
Spennellare tutta la superficie con il latte e infornare a forno caldo 180° per 1 ora circa. (o almeno finchè la superficie inizia a dorarsi.
Lasciare raffreddare la torta, spolverarla con zucchero e caramellizzare con il fiammeggiatore da cucina.

Insalata fantastica di Maria Pia

per smaltire il lesso di cappone e reale di manzo ho fatto un'insalata che è stata spazzolata

carne di cappone e manzo
1/2 cedro candito
una confezione di insalata mista fresca Coop 
10 acini d'uva
10 olive verdi grandi
1 carota 
raspadura quasi1/2 scatola
x condire
olio extravergine ligure
aceto balsamico
sale rosa dell'himalaia

ricavare la carne dal lesso a fiocchi, quindi eliminare ossa e pelle
In una grossa ciotola mettere la carne, il  cedro candito a cubetti, insalata mista, acini d'uva senza semi, olive verdi  senza nocciolo, una carota a julien, raspadura 
Condire con olio exv ligure, aceto balsamico, sale rosa dell'himalaia

Ciambellone all'arancia con cioccolato fondente di Azalea

Buonissimo! il trucco sta nel mettere tutti gli ingredienti nel mixer e frullare, compresa l'arancia intera, con tutta la buccia.



una grossa arancia intera 
300 g di farina
180 g di zucchero;
3 uova;
100 ml latte
100 ml di olio di semi
1 bustina di lievito per dolci. 


Frullate tutto insieme nel mixer (abbiate cura solo di tagliare a pezzi l'arancia). 
Rovesciare in uno stampo per ciambella e sulla superficie mettere pezzi di cioccolato fondente,
Infornate per 45-50 minuti circa a 180 gradi.

Voul au vent con crema pasticcera di Azalea

1 confezione di voul au vent già pronti
crema pasticcera leggera
frutta fresca di stagione
qualche cucchiaiata di marmellata

Preparare la crema pasticcera  sbattendo a crema un uovo intero con 4 cucchiai di zucchero, poi aggiungere 2 cucchiai di farina, mescolare, diluire  con mezzo litro di latte e una bustina di vanillina ( o un pezzo di scorza di limone).
 Portare a bollore, sempre mescolando, e quando si addensa è pronta.
Mettere sul fondo del voul au vent una punta di cucchiaino di marmellata, riempire con la crema fredda e decorare con la frutta fresca.