giovedì 30 dicembre 2010

Stelline al cioccolato, di Azalea

Biscotti natalizi di sicuro effetto...

Stelline al cioccolato

2 rotoli di pasta sfoglia
150 g cioccolato fondente
100 ml panna fresca
1 tuorlo
20 g zucchero a velo (2 cucchiai)
2 cucchiaini succo di limone
1 cucchiaino di sciroppo di lampone (per il colore rosso)
1 cucchiaino di sciroppo di menta (per il colore verde)

Scaldare subito il forno a 180°C.
Dai rotoli di pasta sfoglia ricavare 32 o più stelline col tagliabiscotti (devono essere in numero pari).
Metterle sulla placca rivestita di carta da forno, spennellarle col tuorlo appena battuto e infornarle per 12 minuti.
Sfornare e far raffreddare.
Nel frattempo portare a ebollizione la panna, incorporarvi il cioccolato grattugiato, mescolando bene: si dovrà ottenere una crema omogenea; poi tenerla al fresco per circa 15 minuti.
Distribuire la crema al cioccolato su metà stelle e cooprire con quelle rimaste.
Sciogliere lo zucchero a velo col succo di limone, dividere in due ciotoline e incorporarvi in una lo sciroppo al lampone e nell'altra quello alla menta.
Contare i biscotti ottenuti e dividerli in due mucchi di eguale numero,
distribuire su un gruppo la glassa rossa al centro delle stelle,sull'altro la glassa verde.
Far solidificare in frigo per 15 minuti.
Con questa dose si ottengono circa 32 stelline, quindi 16 biscotti.

Torta alla birra, di Alessandra

È una torta particolare, ma vi garantisco che è ottima

Occorrono:
230 g di farina
100 g di burro
2 uova intere
150 g di zucchero
100 g di uvetta sultanina
50 g di scorzette d'arancia e cedro candite
buccia di un limone non trattato
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 pizzico di noce moscata
1 chiodo di garofano tritato
1,5 dl di birra scura
1 cucchiaino raso di bicarbonato


In una capace ciotola metti la farina setacciata e il burro morbido, mescola con le mani per ottenere un impasto sbriciolato; aggiungi lo zucchero, le spezie tritate, l'uvetta, i canditi tritati e la scorza di limone grattugiata; fai amalgamare bene gli ingredienti. Sbatti leggermente le uova.
In un pentolino scalda leggermente la birra, poi unisci il bicarbonato e le uova precedentemente battute, quindi versa tutto nel'impasto e mescola bene per qualche minuto, per far amalgamare bene gli ingredienti.
Accendi il forno a 160° C. Ungi leggermente uno stampo da forno, poi rivestilo con carta forno (anche i bordi), quindi versaci l'impasto e fai cuocere in forno già caldo a 160° C per un'ora, poi abbassa la temperatura a 150° C e continua la cottura per altri 30 minuti. Intanto prepara un foglio di stagnola sul piano da lavoro e quando la torta è cotta trasferiscila sulla stagnola, quindi chiudila bene e fai riposare per qualche giorno. Più riposa e più diventa buona!

Muffins al prosciutto crudo e radicchio, di Azalea

Buonissimi come merenda salata, o alternativa alla classica quiche...

Dose per 8 muffins

160 g farina
4 uova
un cespo di radicchio
un cucchiaio di cipolla tritata
80 g prosciutto crudo in una sola fetta
mezza bustina di lievito per torte salate
rosmarino
olio
un pizzico di zucchero
sale e pepe

Rosolare il radicchio affettato a julienne con la cipolla e un cucchiaio d'olio per circa 3 minuti.
Salare e pepare.
Tagliare a cubetti il prosciutto senza eliminare le parti del grasso.
Mescolare la farina col lievito, due pizzichi di sale e uno di zucchero.
unire le uova, mescolare, e aggiungere il radicchio, i cubetti di prosciutto e qualche ago di rosmarino tritato.
Imburrare e infarinare gli stampini, se usate i monodose o la teglia in alluminio, se invece usate quellli al silicone questa operazione non è necessaria.
Riempirli per 2 terzi con il composto, infornare a 180°C per circa 25 minuti.
Far intiepidire i muffins prima di sformarli, poi servirli tiepidi o a temperatura ambiente.

Preparazione: 20 minuti
Cottura: 30 minuti

Cipolle ripiene, di Alessandra

1 kg di cipolle bianche piatte e della stessa grandezza
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
1 uovo
100 g di provolone dolce
50 g di prosciutto cotto
prezzemolo tritato
olio extravergine
sale
pepe


Lessa le cipolle, così come sono, in abbondante acqua salata per una ventina di minuti, scolale e lasciale freddare completamente. Nel frattempo trita con il mixer il provolone e poi il prosciutto, versali in una ciotola, aggiungi il prezzemolo, il sale, il pepe e l'uovo leggermente battuto
Una volta che le cipolle sono fredde, elimina la parte con le radici e la pellicola esterna, quindi tagliale in due metà orizzontalmente, preleva la parte centrale e mischiala al composto di prosciutto e provolone. Disponi le cipolle in una teglia da forno unta con olio e riempile con la farcia preparata. Irrora con altro olio e fai cuocere in forno caldo a 180°C per un'ora circa o fino a quando saranno dorate.

Fagottini di mele, di Tiziana



Mele
uvetta sultanina
marmellata di more o altro tipo
pasta sfoglia o strudel

Lavare la mela, togliere il torsolo centrale con l'attrezzo apposito, poi infilare due o tre acini di uvetta e riempire il buco con la marmellata. Tirare la pasta, ricavarne un quadrato e posarvi la mela al centro. Portare su i lembi della pasta e chiuderli. Infornare a 180 gradi per 40 minuti circa e al momento di servire cospargere con zucchero a velo. Si servono tiepidi ma sono buoni anche freddi.

Crema in coppa, di Alessandra

Ingredienti
1 cucchiaino di marmellata d’arancia
1 bicchiere di brandy
qualche cucchiaio di zucchero
succo di un limone
¼ di panna montata

Preparazione
Sciogli la marmellata con il brandy, zucchera a piacere. Aggiungi il succo di limone e la panna montata mescolando delicatamente per far amalgamare bene gli ingredienti. Distribuisci il composto in 4 coppe e lascia riposare per 1 ora in frigorifero.
Per servire decora a piacimento!

Crostata ai carciofi, di Gisella

Photobucket

Pasta brisée o quella sprint di Azalea, ma con queste dosi:
350 g farina
1 cucchiaino colmo di sale
1 cucchiaino di lievito per torte salate
119 g di olio di semi
140 g acqua calda

Versare in ciotola nell'ordine, chiudere ed agitare per qualche minuto fino alla formazione della palla. Con le mani raccogliere finendo, se è il caso, di amalgamare, quindi stenderla su un foglio di carta forno tagliato a cerchio, per una teglia di 26 cm di diametro.

Ripieno
2 bei carciofi tagliati a fettine (gambo compreso)
2 salsicce
300 g di ricotta
2 cucchiai di parmigiano
1/2 bicchiere di latte
2 uova
sale q.b.

Brasare i carciofi in poco olio, con 1 spicchio d'aglio che andrà tolto a fine cottura e del brodo vegetale. Portarli a cottura asciutti.
Schiacciare bene la ricotta in una ciotola e amalgamarla a crema col parmigiano, il latte e le uova; aggiustare di sale.

Rivestire la teglia con la pasta stesa sulla carta forno; sbriciolare le due salsicce cospargendo il fondo della crostata, coprire con i carciofi e versare il composto di uova e ricotta.
Cuocere in forno caldo a 180/200° fino alla doratura del bordo della pasta
.

mercoledì 29 dicembre 2010

Spezzatino di cinghiale, di Giusi

Ingredienti
700 gr di polpa di cinghiale
1 cipolla media
polpa di pomodoro (300/400 gr)
½ bicchiere di aceto rosso (di quello buono mi raccomando)
1 bicchiere di vino rosso corposo (io uso solitamente barbera)
½ bicchiere di marsala secco
poco lardo
lauro
prezzemolo
lardo
olio
pepe in grani
sale

Procedimento
Mettere a marinare per almeno 12 ore la carne in una terrina con l’aceto, ½ bicchiere di vino, qualche foglia di lauro, il prezzemolo e il pepe.
Tritate la cipolla e il lardo e fate soffriggere pianissimo con poco olio, aggiungete la carne dopo averla ben scolata e asciugata, fate rosolare lentamente, aggiungere il vino e il marsala, lasciar evaporare e a questo punto aggiungere la polpa di pomodoro, coprire e fate cuocere lentamente, se necessario aggiungere qualche cucchiaio di brodo.

Biscotti speziati, di Alessandra

200 g di farina
100 g di burro a temperatura ambiente
100 g di zucchero
1 pizzico di pepe nero
1 pizzico di cannella macinata
1 pizzico di chiodi di garofano macinati
1 cl di latte
1 punta di cucchiaino di lievito per dolci
formine varie (sono carina quelle con i semi delle carte o con soggetti natalizi!)

Preparazione
In una terrina metti la farina, i pizzicchi delle spezie e il lievito, aggiungi il burro e lo zucchero. Amalgama bene. Forma una conchetta al centro e versaci metà latte, mescola bene il tutto per ottenere una pasta omogenea. Forma una palla, avvolgila nella pellicola e tienila in frigo per 1 ora. Trascorso il tempo accendi il forno a 180°C. Togli la pasta dalla pellicola, lasciala a temperatura ambiente per qualche minuto, poi stendila su un piano infarinato ad uno spessore di 3 mm, e ricava i biscotti usando le formine. Disponi i biscotti distanziati sulla placca da forno rivestita con carta forno, spennellali con il latte rimasto e inforna per 10 minuti. Ultimata la cottura lasciala raffreddare. Ripeti il procedimento con gli altri biscotti ancora da cuocere.

Baci di dama, di Asiul


400 g di farina (+ un cucchiaio colmo. ATTENZIONE: questo cucchiaio aggiuntivo è obbligatorio)
300 g di nocciole
200 g di burro
200 g di zucchero

Frullare le nocciole con un poco di zucchero di quello compreso nei 200 gr. impastare tutto assieme
creare piccole palline di pasta e cuocere in forno a 180 gradi (indicativamente 20 minuti ma comunque ad occhio... non devono bruciare sul fondo)
fondere del cioccolato... che non deve essere troppo liquido. Intingere le palline di pasta e unirle l'una con l'altra per creare i baci di dama!

Tronchetto di Natale ai marroni, di Alessandra

Ingredienti
1 kg di marroni
125 g di burro morbido
1/2 l di latte
125 g di cioccolato nero
100 g di zucchero fondente
1 cucchiaio di Rum
1 tazza da tè di riccioli di cioccolata

Preparazione:

Metti sul fuoco una grande casseruola, incidi la buccia dei marroni e mettili nell'acqua quando bolle e lasciaili bollire per una decina di minuti. Spegnere il fuoco. Preleva piccole quantità di marroni e privali della buccia e della pellicina.
Metti sul fuoco una casseruola con il latte e fai bollire i marroni per un 25 minuti, se occorre aggiungi un po' d'acqua. Quando sono teneri passali al passaverdure, con il setaccio più fitto. Riduci il cioccolato in piccoli pezzi, mettili a fondere in una casseruola con 2 cucchiai d'acqua e continua a mescolare, fintanto che il cioccolato non è diventato cremoso. Togli dal fuoco ed aggungi il Rum. Mescola la purea di marroni al burro morbido, unisci il cioccolato fuso e lo zucchero fondente. Mescola bene il composto per renderlo omogeneo e leggero. Stendi sulla tavola un grande foglio d'alluminio per alimenti, versaci il composto, spalmalo uniformemente, dandogli una forma rettangolare e quindi arrotola molto stretto il rotolo, chiudi bene i bordi e metti in frigo per 24 ore. Al momento di servire elimina l'alluminio, taglia le estremità in diagonale, disponile ai lati del "ceppo" centrale, in modo da formare il tronchetto. Con i rebbi di una forchetta imita le venature del legno e poi ricopri con i riccioli di cioccolato. Decora a piacere con zucchero a velo e altre decorazioni natalizie.

Per preparare lo zucchero fondente devi:
mettere 200 g di zucchero semolato in un pentolino, con 3 - 4 cucchiai d'acqua; lo fai scaldare a fuoco dolce,
senza mescolare. Quando inizia a fare le bolle, spegni, versalo su di un piano di marmo, aspetta qualche minuti, poi inizia a spatolare, sollevando l'estremità e riportandola verso il centro. Spatola fino a che non diventa opaco.
Continua a spatolare, facendo in modo che si ripieghi su se stesso (con loa spatola lo alzi da un lato e lo fai doppiare). Continua questa operazione fino a quando non sarà diventato bianco. Poi continua a lavorarlo con le mani. Non farlo asciugare troppo, altrimenti si indurisce!
Per conservarlo avvolgilo in pellicola e tienilo in un contenitore ermeticamente chiuso

Torta di purè diversa, di Rosetta



Tortiera a cerniera Ø 24

patate al forno avanzate
1 busta di purè istantaneo
750 dl di latte circa
1 generosa manciata di montasio grattugiato
60 g salame milano (1 bustina)
80 g prosciutto cotto (1 bustina)
80 g mordadella (1 bustina)
2 manciata di montasio di 6 mesi a cubetti
mozzarelline

Versare in una capiente terrina le patate al forno con un poco di latte e passatele con il minipimer sino a farle diventare purè.
Questo purè deve risultare morbido.
Aggiungere 1 busta di preparato per purè (fiocchi di patate) con ½ lt di latte.
Mescolare e se necessario aggiungere, insieme al formaggio grattugiato, ancora un poco di latte affinchè il purè rimanga molto morbido.
Suddividere questo preparato in 4 parti:
Foderare con carta forno una tortiera del Ø 24,
1° giro
livellare un primo strato di purè
distribuire sopra le fette di salame
e una manciata di cubetti di formaggio
2° giro
livellare un secondo strato di purè
fette di prosciutto cotto
l’altra manciata di cubetti di formaggio
3° giro
livellare la terza parte di purè
fette di mortadella
4° giro
livellare la quarta parte di purè
coprire con le mozzarelline tagliate a fettine.
Mettere la torta nel forno preriscaldato a 180° per 40 minuti circa … o finchè la mozzarella inizia a prendere colore.

Pacchetto dono, di Tiziana





Ingredienti
1 confezione formaggio tipo quark
prezzemolo
1 spicchio aglio
un pizzico di sale
carota o peperone per guarnire


Tritare il prezzemolo, spremere l'aglio, rimescolare il tutto con il formaggio. Regolare di sale. Lavare la vaschetta originaria, asciugarla e rivestirla con la pellicola, poi versarvi il formaggio preparato, pressando bene. Rimettere in frigorifero fino al momento di servire. Estrarre e decorare con fili di carota o peperone formando il pacchetto.

Palline di datteri alla frutta fresca di Alessandra

200 g di datteri
100 g di mandorle non pelate
100 g di noci
1 scacchetto di cioccolato fondente
1 tazza di uva sultanina
4 cucchiai di Rum
scorzette di arancia candite
zucchero a velo

Metti l'uvetta in una tazza e coprila con il Rum. Priva i datteri dei noccioli, metteli in un mixer con mandorle, noci, cioccolato e arance e trita finemente. Aggiungi l'uvetta, sgocciolata dal Rum, ma non strizzata. Aziona nuovamente il mixer per amalgamare il tutto. Passa il composto ottenuto in una ciotola prendine piccole porzioni e forma le palline. Man mano che son pronte fatele rotolare nello zucchero a velo. Elimina l'eccesso di zucchero e disponile su di un vassoio. Lascia asciugare almeno per 1 giorno prima di servire.

Entrecôte di manzo e..., di SimoV

Photobucket

rosolare l'entrecôte per 5 min su tutti i lati (tempo complessivo 5 min), e poi con un termometro della carne metterlo in forno a 80° (calcolare minimo 2 orette dipende da quanta carne si ha) e quando il termometro segna 55° la carne è cotta à-point. preparare (per 4 pers) 260g di farina e 40g di farina di castagne, 3 uova e 3dl di latte+acqua, un cucchiaino di sale. mescolare il tutto finché l'impasto non comincia a fare le bolle e lasciar riposare 30 min al coperto ma non in frigo. poi formare gli spätzli (io ho usato un passevite, un passaverdura a mano) e cuocerli in acqua bollente salata. metterli in una ciotola con un po' di burro.
saltare gli spinaci mondati e ancora umidi in una padella con poco sale, degli spicchi di aglio interi e aggiungere alla fine i pinoli tostati in precedenza. per la spuma all'arancia, deglassare la padella in cui si è abbrustolita la carne con del succo d'arancia, aggiungere la buccia di un'arancia e un po' di panna e un pezzetto di dado di pollo (o verdura), lasciar ridurre un po', montare con del burro.

Vellutata di zucca allo zenzero e..., di SimoV

Photobucket


servono: zucca, cipolla, panna, brodo di pollo (o verdure), zenzero fresco, stecca di vaniglia, burro, peperoncino, sale, capesante


in un pochino di olio far appassire una cipolla e poi aggiungere la zucca tagliata a tocchetti. aggiungere il brodo di pollo e un pochino di panna (meglio se per salse), grattugiare lo zenzero, aggiustare di sale e poi passare la zuppa. a parte grigliare le capesante e poi passarle in un padellino dove è stato sciolto un po' di burro ed è stato messo in infusione il contenuto di una stecca di vaniglia e un peperoncino a listarelle e senza semi.

Stella cometa con chutney al mango, di SimoV



per 4 persone un mango di ca. 450g la metà a fette, l'altra a cubettini, un'echalotte e un peperoncino. far appassire prima l'echalotte in una padella con un po' di olio, poi aggiungere il mango e il peperoncino, la bucca e il succo di un lime. a parte tagliare 250g (ca. vado sempre a occhio) di salmone (o trota salmonata) affumicato a cubettini e marinarlo per mezzoretta nel succo di un lime. preparare sul piatto una formina di stella (io ho usato quella dei biscotti di natale), sotto mettere uno strato di chutney e sopra poi il salmone affumicato. decorare con tre fettine di mango.

martedì 28 dicembre 2010

Befanini, di Asiul




500 g di farina 00


200 g di burro morbido
250 g di zucchero
3 uova e 1 tuorlo
1 bustina di lievito
il succo di una arancia
2 cucchiai di liquore (io ho messo rum)
1 pizzico di sale
confettini colorati
(1 un tuorlo sbattuto con un poco di latte per spennellare)

Fare l'impasto con tutti gli ingredienti e far riposare un ora in frigo. Stendere e ritagliare le forme preferite, spennellare di tuorlo e latte sbattuti e cospargere di confettini colorati. Cuocere in forno a 180°C per una decina di minuti o comunque fin quando non sono cotti.

PS: Con queste dosi a me è venuto un impasto un po' troppo morbido e appiccicoso, quindi ci ho aggiunto qualche cucchiaio di farina ad occhio per renderlo più gestibile. Resta comunque morbido, ma lavorabile.

Fiore di insalata russa, di Tiziana




INSALATA RUSSA DELLA MIA MAMMA
1 vasetto di maionese
1 tubetto di maionese
1 barattolo piselli piccoli
2 patate tagliate in 4
1 carota grande tagliata in 4
olive snocciolate
Lessare le patate e la carota, scolarle. La metà passarla a purè, aggiungere 2 cucchiai di olio e il succo di un limone, aggiungere la maionese. Quando freddo aggiungere il resto e formare il piatto

Bollire due uova, con l'albume fare i petali con il tuorlo il centro del fiore, poi ho cosparso con foglie di prezzemolo

Finte lasagne della Vigilia, di Alessandra

Ingredienti
1 confezione di pane per tramezzini (quello senza crosticina!)
pasta d'acciughe
mozzarella tipo pizzottella
burro
besciamella (fatta con 50 g di burro, 50 g di farina, 1/2 l di latte e 1 pizzico di sale)
pangrattato

Per prima cosa prepara la besciamella, poi imburra generosamente uno stampo rettangolare usa e getta d'alluminio e spolverizza di pangrattato. Ora disponi le fette di pane per tramezzini nella teglia, metti sopra fettine di mozzarella, qualche ciuffetto di pasta d'acciughe, quindi ricopri con besciamella. Ripeti a fare altri strati. Non superare i bordi della teglia! Fai un ultimo strato con sola besciamella e metti in forno già caldo a 220°C, per 15 minuti, poi abbassa a 180°C finché sulla superficie non si è formata una dorata crosticina.

Strudel alla vecchia maniera, di Gisella

Strudel alla vecchia maniera

Pasta:

farina 300 g
uova 1
acqua tiepida 100 g
olio extrav. di oliva, ma leggero, 2 cucchiai (ma volendo, anche olio mais o di riso)
un pizzico di sale

Ripieno:
mele 1 Kg/1,200 Kg (possibilmente renette)
zucchero 150 g
cannella in polvere 1 cucchiaino colmo
uvetta 100 g
pinoli 100 g (volendo, si possono unire anche noci a pezzetti)
burro 100 g
pane grattugiato fine 80 g
succo di limone
zucchero a velo per guarnire.

Impastare bene gli ingredienti della pasta fino a farne un impasto omogeneo ed elastico; formare una palla, avvolgerla nella pellicola e metterla su un piattino dentro una pentola calda, chiusa col coperchio (favorisce il lavoro del matterello)
Preparare il ripieno sbucciando e tagliando a fettine le mele; spruzzarle col succo del limone, unire zucchero, uvetta, pinoli e cannella.
Rosolare in una padellina il pane grattugiato con 80 g di burro (il rimanente, fuso, andrà spennellato sui bordi della pasta prima di chiudere lo strudel).
Stendere la pasta (per comodità io la divido in 2 parti e ci ricavo due strudel: più semplice stendere su un canovaccio infarinato, tirandola sottile (si deve vedere la trama del canovaccio); aiutarsi anche con le nocche delle mani, passate sotto la pasta e tirandola, sempre con le nocche (le dita potrebbero stracciarla). Cospargere la pasta col pane grattugiato, e poi col ripieno, lasciando liberi i bordi che andranno spennellati col burro fuso, Arrotolare aiutati dal canovaccio e far scivolare su una teglia imburrata o su carta da forno. Se si vuole, spennellare con tuorlo d’uovo battuto con un cucchiaio di latte; infornare a 180° per circa un’ora. ( a doratura) Servire tiepido o a temperatura ambiente cosparso di zucchero a velo.


Con tutte le volte che lo preparo, non ho nemmeno una foto del mio strudel cotto... la prossima volta, provvedo e inserisco!

Pandoro caldo goloso di Azalea

Per servire il pandoro in maniera golosa, oppure per smaltire a fine feste quello che è rimasto...

Pandoro caldo goloso

Dose per 4 persone:
4 fette di pandoro tradizionale
250 g panna da montare
zucchero a velo vanigliato
400 g crema pasticcera pronta
liquore Grand Marnier o succo d’arancia
cannella

Montate la panna, amalgamatevi un cucchiaio di zucchero vanigliato, incorporatela alla crema pasticcera pronta e mettete in frigo.
Tagliate ogni fetta di pandoro in 3 parti, spruzzatele col liquore (o succo d’arancia per i bambini), mettetele sulla placca foderata con carta forno e cuocete a 220°C in forno caldo per 3 minuti.
Disponete 3 pezzi di pandoro (praticamente ricomporre le fette tagliate) in ciascun piatto, distribuitevi accanto la crema preparata, spolverizzare con cannella e servite tiepido.

Melanzane ripiene di Serafina

Tagliare a metà le melanzane e fare dei tagli lungo la parte tondeggiante quindi metterle nell’acqua e sale per 15 minuti.
Nel frattempo tagliare a cubetti del pomodoro e condirlo con sale, pepe, olio, basilico e aglio.
Togliere le melanzane dall’acqua e sale, sciacquarle e mettere dentro ai tagli un poco di preparato e finire col formaggio a pezzetti.
Preparare una pirofila con pomodoro, disporre sopra le melanzane ed infornare a 200 ° per circa 40 minuti; è possibile preparare le melanzane anche in casseruola variando il tempo di cottura e cuocendo coperto e a fuoco moderato.

Crema alla nutella di Alessandra

Occorrono:
3 uova freschissime
4 cucchiai di zucchero
4 cucchiai di mascarpone fresco
4 cucchiai di Nutella
1 panettone o pandoro ... avanzati ...

In una ciotola monta i tuorli con lo zucchero. Ottenuta una crema spumosa e chiara, aggiungi i cucchiai di Nutella e di mascarpone, mescola bene. Metti al fresco in frigo. Monta a neve una chiara d'uovo e aggiungila alla crema preparata prima, mescola sempre con delicatezza. Affetta il panettone, disponi la prima fetta in una ciotola, ricopri con la crema e prosegui altrnando fette di panettone e crema. Completa con un ultimo strato di crema. Ricopri con pellicola trasparente e tieni in frigo fino al momento di servire. Puoi anche divertirti a svuotare il panettone o il pandoro, eliminando la cupoletta e con molta attenzione svuotarlo. Metti la crema dentro mischiata alla "mollica" tolta precedentemente e ricopri con la cupoletta. Solo ricordati di: 1) conserva il sacchetto del panettone; 2) rimetti dentro al sacchetto; 3) richiudi con attenzione, eliminando l'aria; 4) tieni in frigo per almeno una notte; ... e poi al momento di servire taglia a fette il panettone... e l'effetto sarà stupefacente!

Tagliolini senza colesterolo di Serafina

A volte dopo avere utilizzato solo i tuorli delle uova rimangono gli albumi che non si riescono a consumare ed allora ecco questa pasta fresca priva di colesterolo e a mio avviso buonissima proprio perchè non ci sono tuorli bensì solo albumi!!!

300 gr farina 00
100 gr farina di semola di grano duro
3 albumi
se occorre poco vino bianco oppure acqua


Impastare gli ingredienti fino ad ottenere un panetto compatto e lasciare riposare per mezz'ora.
Stendere col mattarello oppure con la macchinetta della pasta e tagliare la sfoglia della larghezza desiderata: tagliolini, pappardelle..., lasciare asciugare cospargendo con poca farina la superficie.

Quiche di zucchine di Annara

Una confezione di pasta sfoglia Buitoni o Rana o quella che più vi piace (non surgelata, quella che dura in frigo 15 giorni circa)

1 kg di zucchine
tre uova
speck a dadini (quantità a piacere)
parmigiano grattugiato (idem)
verdure a cubetti per soffritto
olio, sale, pepe.

Far soffriggere leggermente le verdure a cubetti nell'olio e aggiungervi le zucchine tagliate a rondelle sottili. Farle andare per una decina di minuti a fiamma piuttosto alta e mescolando spesso delicatamente perché non si attacchino. Toglierle dal fuoco un po' al dente e farle raffreddare.

Contemporaneamente far saltare in padella i dadini di speck per qualche minuto. Spegnere e lasciar raffreddare.

Mettere zucchine e speck in una terrina e aggiungervi il parmigiano e le tre uova. Mescolare e aggiustare di sale e pepe.

Stendere la pasta in una teglia lasciando sotto la carta da forno della confezione. Versarci dentro il composto di zucchine e spianare bene. Infornare a 170° e cuocere per 20-25 minuti.

Muffins alle mele, di Azalea




100 g zucchero
40 ml olio di semi
170 g farina 00
170 ml dì latte
1 uovo
una bustina di lievito
1 pizzico di sale
1 punta di bicarbonato
un cucchiaino cannella
2 mele renette

Sbucciare e affettare a spicchi sottili le mele.
Amalgamare l'uovo con il latte, e aggiungere l'olio.
Unire la farina, il lievito, lo zucchero, la cannella, il sale e il bicarbonato.
Mettere il composto negli stampini da muffins, riempiendoli a 3/4 e poi, in ogni pirottino infilare tre o quattro spicchi di mela.
Cuocere a 180°C per circa 30 minuti (al mio forno).

A questa ricetta si possono aggiungere, a proprio gusto, pinoli, uvetta, gocce di cioccolato.

Rape, patate e pollo stufati di Rosetta


per 4 porzioni

2 grosse rape
4 patate medie
4 coscette di pollo
1 vaschetta di pancetta affumicata già tagliata a dadini
1 piccolo porro
olio e burro q.b.
sale

In un tegame sciogliere il burro con l’olio e rosolare piano piano la pancetta con il porro tagliato a rondelle fini.
Unire le coscette di pollo e cuocerle una decina di minuti. Salare .
Sbucciare, lavare e tagliare a tocchetti le patate e le rape.
Aggiungerle nel tegame con il pollo e stufare piano piano … all’occorrenza aggiungere pochissima acqua calda per volta.
Alla fine sarà tutto cotto a puntino.
Prima di spegnere il fuoco, salare q.b. le verdure, mescolare e servire nei piatti caldi.
- In inverno ho preso l’abitudine di riscaldare i piatti al MO per un paio di minuti, così la pietanza rimane calda più a lungo.

Calzone di sfoglia, trevisana e formaggi di Rosetta




1 sfoglia caserecce Rana
Foglie di insalata trevisana (le prime foglie esterne che sono le più durette le uso sempre in padella)
1 spicchio d’aglio
olio sale e pepe
salame milano
30 g emmenthal tagliato a cubettini
60 g formaggio montasio poco stagionato

Soffriggere l’aglio in poco olio, unire le foglie di trevisana lavate e tagliate a striscioline, portarle a cottura con pochissima acqua, salare, pepare e lasciar raffreddare.
Srotolare una sfoglia casereccia di Giovanni Rana.
Piegarla a metà per avere una traccia,
appoggiare sopra il salame (lasciare liberi i bordi per poter sigillare il calzone),
aggiungere uno strato di trevisana (metà di quelle preparate), formaggio
poi l’altra metà di trevisana e coprire con altro salame.
Ripiegare sopra agli strati il lembo della sfoglia vuota, sigillare per bene i bordi, incidere dei tagli sulla superficie e infornare in forno caldo a 200° per 30 o 35 minuti circa. Finchè la superficie inizia a colorarsi.

Buono tiepido, ottimo freddo

Pesto di radicchio rosso di Alessandra

Un bel cespo di radicchio (ho usato quello di Treviso, ma va bene uguale anche quello di Chioggia)
60 g di noci
60 g di pinoli
60 g di grana o parmigiano
2 spicchi d'aglio senza anima
sale e pepe
olio evo
Lavare accuratamente il radicchio, quindi eliminare un po' della parte bianca più "coriacea". In un frullatore inserire gli ingredienti, tritare e aggiungere olio a filo, come per la maionese, fino ad ottenere una crema omogenea. Regolare di sale e pepe.
Ottimo condimento per gnocchi e quant'altro.

Roccoco' di Patrizia


I Roccocò sono dolci natalizi napoletani duri come torrone che vanni intinti nel vermouth bianco per ammorbidirli .

500g farina 00
500g zucchero
10g di pisto ( il pisto si vende già fatto, ma si può preparare tritando cannella, chiodi di garofano e un poco di noce moscata)
5g ammoniaca per dolci
200g scorzetta di arancia candita
500g mandorle pelate e leggermente tostate al forno
1 cucchiaio di cacao amaro
Scorza di limone e arancia grattuggiata
1 o 2 tuorli d'uovo per dorare
un pizzico di sale
Acqua circa 180g

Mescolare la farina, lo zucchero , il cacao, il sale, il pisto, l'ammoniaca e la buccia degli agrumi. Aggiungere l'acqua poco alla volta , l'impasto sarà molto appiccicoso quindi non mettere troppo liquido solo quello che assorbe. ( la prima volta che li ho fatti è stato uno spatascio perchè avevo messo i grammi esatti d'acqua ) .
Aggiungere le mandorle intere se si vuole la metà si può tritare grossolanamente e poi la scorzetta di arancia tritata finemente(questo ingrediente si può omettere se non piacciono i canditi ma vi assicuro che si sente solo il profumo).
Mescolare tutto bene e con l'aiuto della farina formare delle ciambelline sulla placca del forno ricoperta da carta da forno un po' distanziate fra di loro, spennellare con tuorlo d'uovo diluito con un goccio di latte e infornare per 7 minuti a 200° poi scendere a 180°per altri 15 minuti e qui dipende dal forno e anche se li volete più o meno duri. Meglio sfornarli quando sono un po' morbidi.
Si conservano per settimane.

Iris alla crema e cioccolato di Serafina

Gli iris sono dei dolci catanesi molto buoni e diversi dai soliti si tratta di panini ripieni di crema e fritti.
La loro preparazione non è difficile ed il risultato è ottimo, ma....solo per i golosi!!!!
per i panini:
500 gr farina 00
2 dl acqua
50 gr strutto
20 gr zucchero
1 cubetto di lievito di birra
1 cucchiaino raso di sale
per il ripieno: crema pasticcera oppure al cioccolato
per la pastella: farina, acqua e un pizzico di sale
per la panatura: pangrattato, farina di mais e olio per friggere

Si preparano i panini lavorando la farina con l'acqua, lo strutto, il lievito, lo zucchero, il sale e si lascia lievitare per due ore, quindi bisogna formare dei panini che si lasceranno lievitare ancora per un'ora e si infornano a 200° per 15 minuti.
Preparare la crema che piace per il ripieno.
Con la punta di un coltello e con molta attenzione, tagliare la base dei panini (vedi foto) prelevando un poco di mollica, farcire di crema e tappare con il "tappo" prelevato prima.
Preparare una pastella piuttosto fluida con farina e acqua, intingere gli iris e poi passarli nel pangrattato mescolato a farina di mais e lasciarli riposare per qualche ora, quindi friggerli in abbondante olio finchè saranno dorati, disporli su carta cucina per fare assorbire l'unto.
Si mangiano anche freddi e sono buonissimi!!!

Pini innevati di Aurora



500 g di farina per dolci o 00
200 g di burro morbido
200 g di zucchero di canna frullato
4 uova
1 bustina di lievito per dolci
1 bacca di vaniglia
Aroma... quello che preferite, io ho messo l'aroma Panettone
1 pizzico di sale
2 pugni di uvetta ammorbidita nel rum
qualche wafer al cioccolato
1 bicchiere di latte

Sbattere il burro a crema aggiungendo lo zucchero di canna frullato e le uova intere. Il composto deve diventare morbido e spumoso. Aggiungere anche l'aroma, la polpa della bacca e mettere la buccia nel latte a parte e un pizzico di sale.
Setacciare la farina con il lievito, aggiungerci le uvette e amalgamare il tutto delicatamente al burro montato con lo zucchero e le uova alternando alla farina un po' di latte fino ad avere un composto morbido, ma non troppo... deve scendere a fatica dal cucchiaio di silicone.
Riempire la metà dello stampo, sbriciolare sopra un po' di wafer e ricoprire ancora con altro impasto senza riempirlo troppo.
Se avanza impasto si possono riempire formine farie.
Infornare con il forno ventilato a 170° per 70 minuti.

Asparagi in camicia di Mylly

Occorrono almeno 3 asparagi a persona
tanto prosciutto crudo da tagliar in striscioline
un rotolo rettangolare di pasta sfoglia già pronta...
un po' di latte per spennellare
Dopo aver lavato, eliminata la parte terminale dura degli asparagi, pulirli con un pelapatate. Sbollentarli per pochi minuti in acqua già salata. Scolarli e disporli su un telo ad asciugare
Distendere la sfoglia e con una rotella dentellata ricavarne tante striscie di un cm di spessore, tanto in cottura gonfia.
Sulle striscie di pasta appoggiare una striscia di prosciutto e avvolgerla a spirale lungo tutto il gambo dell'asparago. Allinearli su una teglia rivestita di carta forno e spennellarli con il latte. Cuocere in forno già caldo fino a completa doratura.

Pesto di rucola di Mylly

Un bel mazzo di rucola freschissimo, anche 2
uno spicchio d'aglio senz'anima
100 g di mandorle pelate, (leggermente asciugate nel forno, ma senzafarle scurire)
30-40 g di pistacchi non tostati e non salati, spellati
50 g di pecorino romano
50 g di parmigiano o grana
sale
pepe
olio evo
Dopo aver lavato e asciugato la rucola metterla nel bicchiere del frullatore con i formaggi, l'aglio, le mandorle, i pistacchi e un pizzico di sale. Frullare, aprire il bicchiere, dare una rimescolata e frullare ancora. Versare l'olio a filo, come per la maionese, ne serve poco.
Una volta ottenuta la consistenza desiderata regolare di sale e pepe e usarlo come più vi piace, sulla pasta, sui crostini ecc.

Torta after eight di Rosetta


Tortiera Ø 26
Per una tortiera del Ø 24 dimezzare le dosi e i tempi 30/40 minuti

400 g farina 00
200 g fecola di patate
200 g panna
200 g latticello ( o latte in sostituzione
200 g cioccolato (2 quadrotti della Zani)
180 di zucchero ( a gusto aumentare la dose)
100 g burro (l’ho sciolto 1 minuto al MO 850w)
4 uova
1 bustina di lievito pane Angeli
18 cucchiai di sciroppo menta (la prossima volta ne metto 20 il colore diventa più carico e a mio figlio piace di più.

Preriscaldare il forno a 180°
Ammorbidire il burro per 1 minuto al MO 850w, oppure lasciatelo ammorbidire presso una fonte di calore.
Spezzettare finemente il cioccolato, i quadrotti della Zani sono molto buoni quindi evitate di acquistare le gocce di cioccolato che costano di più.
Setacciare la farina, la fecola e il lievito, setacciandoli direttamente in una ciotola capiente.
Aggiungere le uova, il burro, lo zucchero con un pizzico di sale, lo sciroppo alla menta, la panna e il latticello.
Sbattere con il frullino (io ho quello della mulinex) per 2 o tre minuti, quel tanto che basta per amalgamare gli ingredienti.
Imburrare la tortiera del Ø 26 o meglio ancora foderarla con carta da forno.
Versare nella tortiera una parte di impasto, coprire con il cioccolato ridotto a pezzettini e coprire con il rimanente impasto.
Infornare senza mai aprire lo sportello del forno per 70 minuti, controllare con lo stecchino ed eventualmente coprire con carta stagnola e infornare ancora 15 minuti. *** io direi di lasciarla in forno anche 1/2 ora coperta, al centro era ancora leggermnte cruda.
Attenzione ! il mio forno sta esalando gli ultimi respiri e io ormai vado un po’ a occhio, col vostro forno regolatevi voi … però vi do un consiglio, non punzecchiate la torta prima dei 70 minuti altrimenti si affloscia. Se la torta tende a scurirsi troppo in superficie, coprite prima con stagnola, ma non prima che sia trascorsa 1 ora.
Lasciare raffreddare la teglia su una gratella e poi sformarla nel piatto per dolci.

Polpettine di pane raffermo di Mylly

200 g di pane raffermo (solo la mollica), la crosta non buttarla, ma tritala per dopo...
1 grossa patata, lessata, schiacciata e fatta intiepidire
un'odore d'aglio
4 uova
3-4 cucchiai di pecorino grattugiato
un misto di odori tritati (basilico e prezzemolo)
della dadolata di pomodoro
sale e pepe
Raccogli tutti gli ingredienti in una terrina, escluso la dadolata di pomodoro, e amalgama bene. Aggiungi 2 uova leggermente battute e mescola, mescola, mescola. Fai riposare l'impasto.
Nel frattempo trita la crosta di pane e versala in una scodella.
Rompi le altre 2 in una seconda scodella, regola di sale e pepe.
Riprendi l'impasto e forma delle polpettine.
Passale prima nell'uovo e poi nel "pangrattato" e friggile poche per volta.
Servi con la dadolata di pomodori condita come più ti piace.

Muffins con sorpresa di Azalea




100 g zucchero
40 ml olio di semi (oppure 75 g di burro, se preferite)
125g farina 00
150 ml dì latte (oppure yogurt naturale)
1 uovo
mezza bustina di lievito
1 pizzico di sale
1 punta di bicarbonato
quadratini di cioccolato bianco o nero fondente ( a vostra scelta)

Amalgamare l'uovo con il latte, e aggiungere l'olio (o il burro fuso, freddo).
Unire la farina, il lievito, lo zucchero, il sale e il bicarbonato.
Mettere il composto negli stampini da muffins, riempiendoli a 3/4 e poi, in ognuno, affondare un quadratino di cioccolato.
Cuocere a 180°C per circa 20 minuti (al mio forno).
Il ripieno cadrà in fondo, essendo pesantino, ma il muffins sarà delizioso!!

Crostata con cicoria e robiola di Mylly

un disco di pasta sfoglia
un kg di cicoria (una volta pulita e cotta si riduce molto)
200 g di robiola spalmabile
4 fette di prosciutto crudo
4 - 5 fette di formaggio tipo emmental
2 uova
3 cucchiai di parmigiano
sale e pepe
Dopo aver pulito e sbollentato la cicoria in acqua salata, lasciarla sgocciolare e raffreddare per bene. Appena è gestibile tagliuzzarla.
In una terrina stemperare la robiola, aggiungerci le uova, il parmigiano, regolare di sale e pepe e incorporarci la cicoria benstrizzata.
Foderare uno stampo con la sfoglia, bucherrellare il fondo, distribuirci le fette di prosciutto e sopra quelle di emmental; quindi versarci la farcia alla robiola.
Regolare il bordo e con gli avanzi di pasta formare delle striscie, come per la crostata.
Infornare a 220°C per i primi 10', poi abbassare a 200° e proseguire la cottura per altri 30'

la rosa di Parma di Cicapui

Una fettona di carne da rolata
10 fette di prosciutto di Parma
Parmigiano a scaglie (per la quantità vedete voi... che sia abbondante)
Un tartufo bianco oppure un vasetto di crema di tartufi
Rosmarino fresco e farina bianca
Uno spicchio di aglio

Aprire e battere bene la carne, riempire con il prosciutto crudo che ricopra per bene tutta la fetta aggiungere il tartufo a fettine sottili oppure spalmare con la crema e ricoprire il tutto con abbondante parmigiano a scaglie.
Arrotolare la rolata e legarla.
Passarla in farina bianca in cui avrete tritato finissimo il rosmarino abbondante.
Rosolarla in olio EVO.
A rolosatura terminata trasferirla in una teglia con il sughetto e passarla in forno già caldo.
La cottura dipende dalla grandezza, ma all'incirca 90 minuti.
Ogni tanto rigirarla e bagnarla con brodo bollente.

Spinacino alla milanese di Rosetta

SPINACINO ALLA MILANESE
Si può anche preparare un paio di giorni prima.
1 kg circa di tasca di vitello
250 g di trita scelta di manzo
250 g di salsiccia di suino quella ben saporita
½ panino secco
1 uovo
latte qb
1 bicchiere di vino bianco secco
burro qb
2 cucchiaini di erbe aromatiche (rosmarino, salvia, timo, santoreggia se li avete secchi, altrimenti è meglio il preparato ariosto sale qb
Preparare la farcia con la carne trita, la salsiccia, il pane preventivamente ammollato nel latte e poi strizzato, l’uovo e le erbe aromatiche oppure 1 cucchiaini di ariosto.
Riempire la tasca di vitello con la farcia e cucire l’apertura.
Massaggiare lo spinacio con il rimanente cucchiaino di ariosto e appoggiarlo in un tegame con il burro.
Rosolarlo per bene da ambo le parti e sfumare con un bicchiere di vino bianco.
Coprire e cuocere a fuoco molto basso per un’ora circa.
Controllare di tanto in tanto, e girarlo un paio di volte.
Lasciar raffreddare e tagliare a fette.
Servirlo con il suo sughetto con patate al forno, purè o spinaci saltati al burro.
Va leggermente salato, ma attenzione ... l'ariosto è già saporito di suo.
Se rimane della farcia si possono fare polpette che possono diventare un prezioso duetto con crocchette di patate.È una vecchia ricetta che mi ha passato la Mariuccina una nonnetta milanese doc.

Pasta fagioli e patate di Fiorella

fagioli borlotti secchi( messi a bagno per una notta e lessati al dente. tenere da parte l'acqua di cottura)
patate
un bel trito di sedano, carota e scalogno ( o porro)
foglie di salvia
qualche cotica di prosciutto
qualche crosta di parmigiano
un cucchiaio di passata di pomodoro ( ma anche no)
dado vegetale
sale q.b
olio evo
pasta a piacere ( per noi tubetti)

in un tegame capiente, fare appassire il trito di verdure e la salvia in olio evo, con
le cotiche di prosciutto.
salare leggermente. quando le cotiche iniziano a diventare trasparenti, aggiungere le patate pelate e tagliati a pezzetti.
lasciare insaporire per cinque minuti.
aggiungere i fagioli con un po' della loro acqua di cottura, il pomodoro e le croste di formaggio.
aggiungere il dado e cuocere a fuoco bassissimo fino a che le patate non risuteranno quasi cotte.
regolare di sale, se necessario. con il minipimer dare una passatina per frullare circa la meta' del composto.
aggiungere la quantita' necessaria di pasta, aggiungendo quando necessario acqua di cottura dei fagioli bollente.
spegnere un po' prima che la pasta sia cotta e il composto della densita'
desiderata. lasciare riposare qualche minuto e servire.
...a dire il vero è piu' buona riscaldata che appena fatta

Sciroppo al limone di Gelcor

1/2 litro d'acqua
1 kg zucchero
1 kg limoni
Grattare i limoni, spremerli , mettere in una pentola l'acqua lo zucchero e il succo di limoni e far sciogliere per circa due 2minuti (senza bollire)
spegnere e aggiungere le buccie dei limoni. Lasciar riposare per 12 ore
Filtrare il tutto conservare in luogo fresco o frigo

Bocconcini croccanti di Maria

20 ciliegine di mozzarella
3 albumi
10 cucchiai di pangrattato
2 cucchiai di farina
olio per frittura profonda

Sbattere un poco gli albumi addizionati di un cucchiaio di olio evo. Mescolare la farina al pangrattato. Passare le ciliegine scolate del loro siero nella miscela di pangrattato, nell'albume e di nuovo nel pangrattato. Friggere in olio profondo caldo (friggitrice a 190 gradi) fino a doratura, scolare su carta assorbente e servire caldissimi in modo che non perdano il "filo".

Biscotti al cocco di Gisella




250 g di cocco
120 g di farina 00 autolievitante (o addizionata con un cucchiaino di lievito in polvere)
150 g di zucchero
3 uova grandi
Un cucchiaino di cannella
60 g burro fuso a bagnomaria
1 pizzico di sale

Impastare il tutto in modo omogeneo; preriscaldare il forno a 170/180°; disporre a mucchiettini l’impasto nella teglia (per questa dose occorrono due teglie) ricoperta di carta da forno, distanziandoli un poco e cuocere per circa 20/25’ (leggera doratura)

polpette pollo e prosciutta con salsa si panna acida di Mamylaura


per le polpette:
1/2 petto di pollo,
una fetta di prosciutto cotto alta circa 1 cm.
2 uova
1 mozzarella
grana grattugiato
latte q.b.
sale q.b.
polenta per la panatura

per la salsa
1 pacchetto panna acida
misto di erbette
latte q.b.
sale q.b.

io ho messo tutti gli ingredienti nel mixer, ho frullato tutto e ho fatto delle polpettine aiutandomi con due cucchiai... le ho passate nella farina per la polenta bianca, e le ho cotte facendole passare prima nell'olio, poi ho aggiunto vino bianco e poi del brodo.

Ho preparato la salsa scaldando appena la panna acida, aggiungendo un misto di erbe che avevo in casa e ho allungato tutto con pochissimo latte.

Ho messo le polpette nel piatto e ci ho versato la cremina alle erbette.

Insalata di rinforzo di Patrizia

Un cavolfiore bianco,
giardiniera sott'aceto ( carote, sedano, peperoni, cetrioli, cipolline etc. sott'aceto),
carciofini sott'olio(fatti da mia suocera),
acciughe salate pulite e messe sott'olio il giorno prima,
olive verdi dolci,
papaccelle (peperoni verdi, rossi e arancioni sott'aceto),
papaccelle piccanti,
olio,
aceto.
Lesso il cavolo a pezzi in acqua salata in modo da lasciare le cimette intere, non si devono sfaldare.

Quando è freddo lo condisco con una spruzzata di aceto, ci aggiungo la giardiniera senza il suo liquido, le olive verdi, i carciofini e le papaccelle pulite e tagliate a pezzi, condisco con olio exv.
La metto su un piatto ovale e da ultimo ci adagio sopra le acciughe.

Canocchie ripiene di Fiorella


per 2 persone
600 gr. canocchie
pane grattugiato
sale aromatico ( sale grosso tritato con salvia, rosmarino,
timo)
olio evo
aglio e prezzemolo

in una scodella mescolare gli ingredienti per il ripieno,usare
l'olio per dare una consistenza appena morbida.
aprire il carapace delle canocchie, allargare delicatamente e riepire con il composto di pane.
sistemare sulla placca del forno un foglio di carta oleata,
distribuire le canocchie con un filo di olio sopra e
infornare a forno caldo ( 200°), per 12/15 minuti. se
necessario dare un bel "colpo di grill" per farle colorire

Panettone genovese basso di Mamylaura





Farina 1 Kg.
zucchero 300 gr.
Burro 250 gr.
uvetta 500 gr.
pinoli 100 gr.
lievito per dolci 3 bustine
buccia di limone grattuggiata
succo di 3 arance

Impastare tutti gli ingredienti col succo d'arancia, l'impasto deve risultare piuttosto morbido, aggiungere l'uvetta ammorbidita nell'acqua e infarinata, e i pinoli.
Formare delle pagnottele (4 se si usa 1 kg. di farina) e infornare in forno statico a 200° per circa (la ricetta dice 70 minuti) a me ne sono bastati 45... dipende molto dal forno e dalla dimensione dei pandolci.
Non c'è bisogno di stampo rimangono in forma.

Gnocchetti zucca e patate con salsa


400 di polpa di zucca (cotta al forno e spolpata)
400 g di patate lesse (passate allo schiacciapatate)
1 uovo intero
farina quanto basta
sale


Per la salsa

burro
fontina
un po' di panna
gherigli di noci passati leggermente al mixer

Impastare la zucca, le patate, l'uovo, il sale e aggiungete tanta farina quanto pasta per poter manovrare l'impasto con le mani. Personalmente preferisco gli gnocchi piccoli e sodi, quindi tiro con le mani dei salsicciotti e taglio tanti dadini che metto da parte infarinati.
In questo caso, ne sono venuti tanti e quindi ho congelato gli gnocchetti un vassoio alla volta.

Buttare gli gnocchi congelati nell'acqua bollente salata.
Nel frattempo mettere in una pentola ad hoc il burro, la panna, la fontina e le noci e fate liquefare.
Scolate con la schiumarola gli gnocchetti e adagiateli nella salsa, mescolate con delicatezza e portate a tavola.

Arance in gelatina di Tiziana


Per fare queste arance ho utilizzato sia il succo delle arance bionde che del succo compero di arancia rossa non trovandosi ancora in commercio.

Ingredienti

gelatina 25 g,
Arance n. 5
zucchero - 6-8 cucchiai
acqua
mezzo bicchiere di succo di arancia rossa

Mettere a bagno la gelatina in una di acqua fredda e lasciare gonfiare per 1 ora. Dopodichè mettere sul fuoco con poca acqua finchè non si è completamente sciolta senza far bollire. Lavate le arance e tagliare in 2 pezzi (in modo da ottenere 2 metà). Con cautela, utilizzando un coltello togliere la polpa dalla metà arancia, facendo attenzione a non danneggiarla. Spremere il succo delle arance e filtrarlo. In un tegame versare 150-200 ml di acqua e aggiungere lo zucchero, il succo di arancia e fare bollire per 4-5 minuti. Far raffreddare e unire la gelatina sciolta. Riempire le metà delle arance e porre in frigo per 4-5 ore o tutta una notte. Al momento di servire tagliare con un coltello affilato le fette e posizionarle su di un piatto

Crema delle feste di Tiziana



Crema delle feste casa Carini


Ingredienti


1l. latte
8 uova
40 savoiardi
100 gr cioccolato
100 gr mandorle
liquore strega
alchermes


Prendere una tazza di marmellata, aggiungervi zucchero di vaniglia e da caffè e dello spirito (alchermes o misto per dolci). Fare una crema di quattro uova.
Prendere un etto di cioccolata, stemperarla con un poco di latte e unirvi un tuorlo. Versarla nella crema.
Fare un'altra crema di quattro uova e aggiungervi un etto di mandorle tritate tra dolci e amare (io ho usato solo le dolci, le amare non si trovano più) tritate molto fini.
Prendere due stampi da budino da 1,5 litri.
Si prendono 40 savoiardi e si tagliano a metà.
Si prende metà strega e metà alchermes, si intingono e si fa la camicia agli stampi alternando il bianco con il rosso.
Si versa un poco di crema, poi si fa uno strato di savoiardi bianco e si cosparge con la marmellata, un altro strato di savoiardi rosso, e si mette l'altra crema. E via così, si finisce con quello che si inizia.
Si ripone al fresco per una notte, si capovolge e si mangia.

Gnocchi di zucca di Tizimi

2 kg di zucca pulita
1 kg di farina di riso
2 uova medie
100 g parmigiano
200 g montasio
sale, pepe, noce moscata

Cucinare la zucca a vapore, io l'ho fatto in mo nell'apposito tegamino, passarla con lo schiacciapatate e raccogliere la polpa in una ciotola.
Raffreddarla bene quindi aggiungere le uova, i formaggi grattugiati, il sale, il pepe e la noce moscata.
Far riposare l'impasto così ottenuto in frigorifero per qualche ora. Provare la consistenza degli gnocchi lessandone uno, nel caso non "stessero insieme" aggiungere qualche cucchiaio di farina di riso.
Servire con burro fuso profumato con salvia ed una abbondante spolverata di parmigiano.

Crostata "pozzaday" di Tizimi


PASTA FROLLA alle nocciole
500g burro
300 gr zucchero
500 g farina “0”
250 g farina di nocciole
3 tuorli d’uovo
1 uova
½ bustina lievito
1 cucchiaino estratto di vaniglia
Impastare il burro con lo zucchero, unire le uova ed amalgamare. A composto omogeneo unire la farina, il lievito e la vaniglia, impastare brevemente finche il tutto sia nuovamente omogeneo.
Far riposare in frigorifero per una notte.

Ripieno: marmellata di arance amare e marmellata di kumquat allo zenzero, qualche cucchiaiata di brandy

Stendere la frolla in uno strato di circa mezzo centimetro, bucherellarla con una forchetta o con l'apposito attrezzino.
In una ciotola unire le due marmellate, intiepidirle al mo ed unire il brandy quindi versarle sulla frolla, decorare con la classica griglia ed infornare a 180° per circa 30-35 minuti.

Tortelli alle ortiche di Ornella


Tortelli verdi (alle ortiche)
dosi x 300 tortelli
impasto
1 kg di farina
-10 uova
-1 pugno di ortiche
Lessate le foglie delle ortiche strizzatele e tritatele fini.
Preparate la sfoglia impastando la farina con le uova e l’ortica

ripieno
_kg 1,400 di ricotta
- 800g di parmigiano buono (piu quello per dare una spolverata alla fine)
– 2 uova
-1 pugnetto di prezzemolo tritato
-sale
- noce moscata( appena un pizzichino)
Lavorate ben gli ingredienti (io ho messo il ripieno in un sac a posh)

condimento
burro fuso e salvia (anche un buon ragù non guasta)

Tirate la sfoglia sottile (io li ho tirati a macchina nel secondo buco) coprite mezza sfoglia con mucchietti di ripieno in fila a una distanza di circa 4 cm l'uno dall'altro e ripiegarvi poi sopra l'altra metà sfoglia schiacciando con le dita attorno a i mucchietti per far uscire l'aria e chiudere le due sfoglie. Con una rotella tagliapasta di quelle che sigillano i bordi tagliare i ravioli in rettangoli
(io li schiaccio con i rebbi della forchetta)
Sciogliere il burro e farvi rosolare un attimo le foglie di salvia
Lessare i ravioli al dente in abbondante acqua salata, scolarli trasferirli nella padella del burro e farli saltare qualche minuto girando di frequente.
Servire cospargendo con il Parmigiano grattugiato.

Finocchi farciti di Azalea

4 finocchi, 200g ricotta, 2 tuorli, 50g pecorino a dadini, 30g grana grattugiato, 20g burro, mezzo limone, una cipollina, sale e pepe.

Staccare da ogni finocchio 3 foglie e scottatele per 5 minuti in acqua bollente salata e acidulata col succo di limone, poi sgocciolatele e tenerle da parte in attesa di farcirle. Tritate la parte interna dei finocchi crudi con la cipollina e rosolateli per 10 minuti con metà burro, sale e pepe. Lavorate la ricotta con metà grana, i tuorli, la scorza del limone grattugiata, sale e pepe. Poi aggiungete il pecorino a dadini e il trito di finocchi. Farcite le foglie col composto ottenuto, sistematele in una pirofila, cospargetele col grana rimasto e il burro restante a fiocchetti. Cuocete in forno a 180°C per 25 minuti, utilizzando il grill negli ultimi 2 minuti e servite ben caldo.

domenica 26 dicembre 2010

Roselline di mele di Tiziana



Ingredienti

3 Mele pink lady o qualità croccante
200 gr acqua
200 gr zucchero
pasta strudel

Affettare sottilmente le mele ad uno spessore regolare dopo averle ben lavate. Lasciare la buccia. Mettere poi sul fuoco l'acqua con lo zucchero e fare lo sciroppo. Quando bolle unire le mele e lasciarle 3-4 minuti.
Scolarle su di un piatto. Intanto impastare e tirare la sfoglia ad uno spessore sottile e ritagliare delle striscie di 2-3 cm di altezza, disporvi sopra le fettine di mela e arrotolare.
Passare in forno a 200° per 10/15 minuti.
Spolverare con poco zucchero a velo.

sabato 4 dicembre 2010

Salmone delle feste di Gelcor

Salmone da 2 kg
sedano cipolla carota
rosmarino salvia uno spicchio di aglio
Burro prezzemolo

Mettere il salmone in un tegame con sedano, cipolla, carota, rosmarino, salvia, uno spicchio di aglio
aggiungere acqua fino a coprire il salmone
bollire leggero
quando è cotto e tiepido pulirlo bene e condire con burro
fuso e prezzemolo tritato (aggiungere alla fine pizzico di sale e pepe) oppure maionese

Tagliatelle ai pioppini di Fiorella


per 2
200 gr.di tagliatelle all'uovo
un bel...mandarino di burro
300 gr. di pioppini appena colti Mr. Green (oppure altri funghi freschi)
sale aromatico ( sale, aglio, rosmarino, salvia, timo, origano, maggiorana)
prezzemolo fresco

dopo aver ben pulito i fungi, far spumeggiare il burro in una larga padella,
mettere i pioppini e cuocere a fuoco allegro per circa quindici minuti.
insaporire col sale aromatico. tenere in caldo
lessare le tagliatelle al dente, scolarle ( senza esagerare ) saltarle velocemente in padella con i funghi. spolverare di prezzemolo tritato al
momento

Crocchette di grano di Fiorella


per la quantita' nella foto

1 bicchere di grano precotto
50 gr. burro + un po' per la teglia e per infiocchettare
80 gr. erbette lessate e tritate
100 gr, parmgiano
quadrettini di formaggio ( montasio, fontina, taleggio)
2 uova
un po' di pane grattugiato
sale e noce moscata qb

lessare il grano al dente, scolarlo e condirlo con il burro
lasciarlo intiepidire
ungere una ruola da forno
sbattere le uova con il sale e la noce moscata, aggiungere il grano e mescolare bene.
aggiungere le erbette ben strizzate e amalgamare con una forchetta.
aggiungere il parmigiano e poco pane. con le mani bagnate, inserendo qualche quadretto di formaggio
formare delle crocchette della forma desiderate, passarle nel pane grattugiato e sistemarle nella ruola
infiocchettare di burro e gratinare nel forno

Ravioli di pesce di Aurora




Ho fatto rosolare in un nulla di olio i filetti di cernia (comperati surgelati), erano circa 1 kg. Li ho ripuliti da ancora eventuali spine e poi ho frullato la polpa di cernia, con un po' di prezzemolo, con 300 di ricotta, un pizzico di sale... poi non contenta ci ho messo un cucchiaio di mascarpone, ma proprio solo un cucchiaio. Il ripieno così aveva sì il profumo della cernia, ma era nel comtempo molto delicato.
L'impasto è un normale impasto 1 uovo per ogni etto di farina al quale è stato aggiunto un po' di prezzemolo e un pochino di aglio il tutto tritato finemente.
Li ho conditi con sugo di pomodoro leggero.

Treccia dolce di Giusi

domenica ho rinfrescato il lievito e come sempre ne avevo troppo e come sempre mi spiaceva buttarlo ;-) , e così mettendo insieme un po’ di ricette è venuta fuori questa ricetta:

500 gr di farina 00
100 gr di zucchero (credo che la prossima volta ne metterò di più)
250 gr di lievito rinfrescato
1 cucchiaino di sale
2 uova
100 gr di latte
50 gr di burro morbito

per la farcitura
50 gr burro freddo di frigo
50 gr di canditi
20 gr di cacao in polvere (volevo mettere le gocce di cioccolato ma nel mio ordine non le ho trovate)

Ho iniziato ad impastare nel ken con la frusta k la farina, lo zucchero e il LM, ho aggiungo il latte e il burro, poi una alla volta le uova e per ultimo il sale, ho continuato per quasi 10 minuti a velocità 1, ho messo l’impasto in una ciotola e ho lasciato lievitare sino al raddoppio.

A questo punto ho leggermente infarinato l’asse e ho steso a rettangolo, ho messo il burro a fettine sottili sottili, ho sparso il cacao con un colino e poi i canditi, ho arrotolato dal lato lungo, ho tagliato a meta, e ogni metà l’ho sezionata in tre e ho formato due trecce, che ho messo a lievitare in altri due stampi da plumcake.
Prima d’infornare ho spennellato abbondantemente con del latte e ho infornato a caldo a circa 180°

Polpette di patate e noci di Ezia

5 Patate grossette
1 Noce di burro
mezzo litro latte intero
60 gr noci ...mandorle o nocciole o tutte e tre
1 cipolle rosse
Sale e pepe: q.b.
2 cucch, farina

Lessa, pela e taglia le patate a dadini e le metti in una terrina con il burro fuso (avvolte nemmeno lo metto), le noci tritate, le patate, il latte e la cipolla tritata e mescola il tutto fino ad ottenere un composto omogeneo.
Ora forma delle piccole polpette schiacciate che cospargerai con farina le ultime le ho cosparse con farina di farro. Metti le polpette a rosolare nell'olio a fuoco alto 2 minuti per lato. Quando saranno ben colorate le togli dalla padella e le metti su carta assorbente perchè perdano il loro unto in eccesso.